Tre iniziative per L’estate di Raffaello

A partire dall’inizio di luglio, fino al 20 agosto, tre le proposte di grande respiro cercheranno di ampliare la conoscenza dell’artista simbolo del Rinascimento e pittore romano per eccellenza, spaziando dall’arte, al cinema alla cultura sul filo dell’immagine, della parola, dell’architettura.Per tutto luglio, fino al 20 agosto, troviamo "In giro per la Roma di Raffaello": due autobus a due piani condurranno i cittadini e i turisti nei luoghi più suggestivi e caratteristici della città. Un percorso multilingue che racconterà la Roma del Cinquecento alla ricerca delle impronte lasciate dal pittore nelle architetture, nei palazzi, nelle strade.Dal 12 al 14 luglio, alle ore 21.00 a Villa Borghese – Piazzale del giardino Zoologico (ingresso Bioparco), va invece in scena "La Daveriade". Philippe Daverio indaga Raffaello: tre conferenze serali con Philippe Daverio che incontrerà personalità del mondo della cultura e dell’arte discutendo di Raffaello in maniera colta e divertente. La storia dell’artista sarà rivissuta attraverso i momenti salienti della sua esistenza messi in relazione con l’epoca Rinascimentale ma anche evidenziando i rapporti con la nostra contemporaneità. I titoli delle tre conferenze richiamano temi attualissimi, si parlerà del passato ma anche del nostro presente e del futuro. Daverio discuterà con i suoi ospiti di creatività di sessualità e corporeità ("Nuovo Platonismo, nuova sensibilità e nuova sensualità", con Claudio Strinati e Giulio Giorello), dei miti che durano nel tempo ("Raffaello, Michelangelo e Leonardo. L’artista diventa star", con Antonio Paolucci e Pamela Villoresi) e di poteri forti ("Roma: power and glory", con Mario Botta e Nicola Spinosa).Dal 15 al 30 luglio, alle ore 21.30 a Villa Borghese – Piazzale del giardino Zoologico (ingresso Bioparco), è poi la volta di "Cinema: l’estate in costume Il cinema racconta il passato": una carrellata di 21 film in costume per narrare il rapporto esistente tra il passato e il presente attraverso il cinema, formidabile macchina del tempo per rileggere la storia. Una retrospettiva che include tra gli italiani Pierpaolo Pasolini e Federico Fellini, i Fratelli Taviani e Marco Bellocchio e, abbracciando tantissimi generi, unisce rarità e capolavori, grandi successi e pellicole d’autore. Dai film in costume del muto italiano a pellicole come "La cena delle beffe" di Alessandro Blasetti, "Otello" di Orson Welles, "Barry Lyndon" di Stanley Kubrick, "Amadeus" di Milos Forman. Il maxischermo sarà montato sul Piazzale del Giardino Zoologico antistante l’ingresso del Bioparco per creare un cinema all’aperto accanto alla Galleria Borghese. Una vicinanza che darà modo al pubblico di poter confrontare per la prima volta i capolavori che ci hanno lasciato i pittori tra il Quattrocento e il Cinquecento e la visione che di quest’epoca hanno avuto, proprio a partire dai quadri, i grandi maestri del cinema. Ogni film sarà preceduto dall’intervento di illustri ospiti che introdurranno il tema della serata. Con la partecipazione del jazzista Danilo Rea che accompagnerà al piano la proiezione dei corti muti. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito dell’iniziativa.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Tre iniziative per L’estate di Raffaello