Un romanzo da leggere sotto l’ombrellone: “La ricetta dell’assassino” di Anne Holt

libro_jugo.it

L’autrice Anne Holt viene ritenuta da molti la regina assoluta del crime norvegese moderno. Avendo rivestito nel suo Paese i ruoli di procuratore e ministro della giustizia, è un’attenta conoscitrice dei complessi meccanismi investigativi e legali che coinvolgono il Dipartimento di Polizia di Oslo. Dalle trame avvincenti dei numerosi romanzi gialli da lei pubblicati traspare la sua passione autentica per la giurisprudenza e per il giornalismo, due ambiti nei quali si è sempre distinta in maniera eccellente.

La ricetta dell’assassino, pubblicato nel 2000 con il titolo originale Uten Ekko, è comparso nelle librerie italiane nel giugno 2013 grazie alla traduzione di Margherita Podestà Heir  e sta riscuotendo un discreto successo. Si tratta del sesto libro della serie gialla incentrata sulla figura dell’acuto ispettore di polizia Hanne Wilhelmsen.

La vicenda inizia con un assassinio, quando la malconcia prostituta eroinomane di mezza età  Marry la Zarra una fredda notte del dicembre 1999 si imbatte in un cadavere riverso su di una scalinata nei pressi del commissariato. Marry avvisa la polizia in forma anonima e si allontana dalla scena del delitto dopo essersi impossessata di una sciarpa e dei guanti del morto per scaldarsi.

L’ispettore di polizia Hanne Wilhelmsen, al ritorno da un periodo di meditazione trascorso in Italia a Verona nella camera spartana di un convento nel quale si era rifugiata dopo la morte prematura della compagna amata fin dai tempi del liceo,  trova i suoi colleghi alle prese con questo caso difficile e scottante. Il morto è lo chef quarantasettenne Brede Ziegler  proprietario del ristorante più in di Oslo, stroncato in un periodo apparentemente felice della sua vita, quando da poco aveva sposato una donna giovane e bellissima.

Brede Ziegler è stato assassinato due volte, prima con una dose massiccia di pastiglie di paracetamolo sciolte nei suoi drink e poi con un coltello da cucina Masahiro normalmente utilizzato soltanto nelle cucine dei ristoranti più prestigiosi, da lui stesso acquistato.

La trama del romanzo La ricetta dell’assassino, sapientemente condotta,  si dipana tra figli segreti, eredità milionarie, contrabbando di vini, truffe e testimoni tutt’altro che collaborativi, regalandoci nelle ultime pagine un bel finale a sorpresa.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Un romanzo da leggere sotto l’ombrellone: “La ricetta dell’assassino” di Anne Holt