Una settimana per scoprire la scienza

Dopo l’evento del 13 marzo ad Avellino, con "Televisione: madre o matrigna?", Artide e Antartide presentano la mostra dedicata ai due poli dall’istituto Galileo Galilei di Roma, con pannelli tematici, proiezioni di filmati, aree espositive con rocce e meteoriti e la ricostruzione di un campo remoto. Ancora a Roma, presso l’Auditorium Parco della Musica, i ricercatori dell’Istituto di studi sui sistemi intelligenti per l’automazione hanno organizzato per sabato 18 marzo una dimostrazione sulle potenzialità delle interfacce aptiche, dispositivi robotici studiati per interagire con l’uomo e fornirgli le percezioni tattili e di forza relative al contatto con gli oggetti. Nell’Area di Tor Vergata del Cnr, assieme all’Istituto nazionale di astrofisica e all’Università Roma 3, andrà invece in scena un ciclo di seminari dedicati alla vita delle stelle e alla salute della Terra e una conferenza-spettacolo su "Scienza ed arte nel canto: come si forma la voce?". Dal 14 marzo, la sezione di Mazara del Vallo dell’Istituto ambiente marino costiero del Cnr propone "Il mare fantastico" e, sempre in Sicilia, la biotecnologia sarà l’argomento che gli studenti approfondiranno con gli esperti dell’Istituto di biomedicina e immunologia molecolare "A.Monroy" del Cnr di Palermo. Ambiente acquatico anche per i due eventi organizzati dall’area di Bologna: la mostra "Accadueo", avente come motivo ispiratore la centralità di questo bene prezioso, e l’esposizione del fotoreporter Walter Breveglieri sull’alluvione del Polesine, che dell’acqua documenta invece la pericolosità. Tra gli altri appuntamenti, segnaliamo: l’incontro "Verso un’economia ad idrogeno: lo stato dell’arte ed il progetto Firenze-Hydrolab" (14 marzo al liceo Galileo di Firenze) e "Il secolo fragile: il progresso scientifico tra perplessità e speranze" (19 marzo all’Area di ricerca di Bologna). Durante il dibattito bolognese, esponenti del mondo scientifico e culturale, da Edoardo Boncinelli a Giorgio Celli, si confronteranno sulla tesi dell’astrofisico Martin Rees, secondo il quale le probabilità per il genere umano di sopravvivere al XXI secolo non sono superiori al 50% e tra le possibili cause di estinzione figura anche il progresso della ricerca scientifica. L’Istituto nazionale di fisica della materia del Cnr è poi presente alla Settimana con "L’energia in azione", mostra che si tiene al liceo Ulivi di Parma per gli studenti delle secondarie, e presso il Museo dell’automobile di Torino con la mostra "Semplice e Complesso", dal 13 marzo al 7 maggio. Ventisei exhibit interattivi dove sarà possibile creare un vortice di sabbia e un tornado in miniatura, ottenere scariche elettriche simili a fulmini, generare un vortice di fuoco, nuvole e anelli di fumo. Sempre a Torino, mercoledì 15, visite guidate dell’Istituto di virologia vegetale tra serre e laboratori.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Una settimana per scoprire la scienza