Vacanze: meglio vicine e più brevi

E’ quanto emerge da un sondaggio Swg-Confesercenti, nel quale si evidenziano inoltre importanti cambiamenti nelle vacanze degli italiani: cresce del 5% il numero di persone partite a giugno, mentre luglio (-3%) ed agosto (-4%) segnano una flessione pur rimanendo i mesi più gettonati in assoluto. E fra i fattori che influenzano le decisioni sulle vacanze domina il problema del reddito disponibile (41%). Solo a grande distanza pesano la questione della sicurezza del luogo (14%) e la scelta della compagnia (13%).Non solo, la crisi "consiglia" soprattutto vacanze in Italia: la pensano così il 73% degli italiani intervistati (ed un 20% "accorcia" ancora restando nella regione di residenza). Solo il 25% varca i confini per mete europee, fra le quali emerge la Spagna tallonata dalla Francia e, a distanza, le spiagge di Grecia e Croazia. E fra le mete più desiderate si fa largo a sorpresa la Puglia che insegue la capolista Toscana.Anche in cucina fa capolino la crisi: il 26% del campione dichiara di voler "cucinare da sè", mentre il 25% opta per i pasti in albergo ed un 22% punta su pizzerie e trattorie. Ed un altro aspetto rivelatore della attenzione al risparmio arriva dalla maggioranza di italiani che prenotano i viaggi in tutto od in parte da soli.Programma ora la tua vacanza con Jugo e Booking.com. Prenoti online, paghi a destinazione.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Vacanze: meglio vicine e più brevi