Vendeva online semi di marijuana: assolto

Per Filla, il Pubblico Ministero aveva chiesto un anno di reclusione, ma il giudice ha sentenziato che "il fatto non sussiste". Per entrambi i siti, seppur molto diversi tra loro, non ci sarebbe dunque "istigazione".Segnaliamo, riguardo alla vendita dei semi, che lo stesso sito Semini.it avverte che la "L’acquisto di semi di cannabis è lecito a scopi collezionistici o per coltivatori esteri o autorizzati". E’ però evidente che per il gestore del sito è impossibile indagare sull’utilizzo che ne farà poi l’aquirente.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > Vendeva online semi di marijuana: assolto