Videogiochi sì, ma con attenzione

Per questo motivo, dopo la tappa romana, il 7 e l’8 novembre la campagna del Moige arriverà a Milano per illustrare ai giovani come sia possibile divertirsi senza incappare nei pericoli delle nuove tecnologie. Oggigiorno, infatti, esiste un rischio di sovraesposizione, come confermano i dati illustrati dalla pedagogista Rosa Bagnato, dai quali emerge che i due terzi dei bambini tra i 3 e i 14 usano i videogiochi, il 58% possiede una console e la media europea di ore passate davanti allo schermo (tra 9 e i 16 anni) è di 4,15 al giorno. Per la campagna indetta dal Movimento Italiano Genitori, con il contributo di Xbox, si è scelto di usare un lontano antenato dei videogames, il teatrino dei burattini. Ai simpatici Joy e Mony spetterà infatti il compito di sensibilizzare gli alunni delle scuole elementari all’uso corretto dei videogiochi, attraverso un linguaggio divertente e vicino a quello dei bambini. Come spiega la Bagnato, "i giochi elettronici possono essere di forte stimolo alla creatività e alla capacità di reazione, un valido divertimento dunque, purché non sottraggano tempo ad attività come il gioco ‘dal vivo’, la lettura, i compiti e lo sport". Inoltre, sempre la responsabile della campagna evidenzia come i videogiochi non siano più destinati ai soli bambini e adolescenti, ma anche ai 18 milioni di adulti che videogiocano abitualmente. Alla sempre più evidente differenziazione del mercato, va quindi abbinata una relativa attenzione al target dei singoli videogiochi, specie al momento dell’acquisto. Oltre a come evitare i giochi non adatti ai più giovani, la campagna del Moige si concentra sul pericolo di una eccessiva esposizione. Un utilizzo intensivo di console e giochi elettronici può, in casi estremi, diventare una vera dipendenza capace di influire negativamente sulla capacità di socializzazione. Per evitare ciò, il consiglio di Rosa Bagnato è quello di limitare l’uso di videogiochi e Tv a un massimo complessivo di due ore al giorno. Ma i videogames sono così pericolosi? No, tutt’altro, l’importante è che vengano scelti e usati con criterio.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Videogiochi sì, ma con attenzione