Villa Olmo: L’Abbraccio Di Vienna

L’obiettivo è quello di ripercorrere la genesi dell’arte del Novecento, partendo dal Barocco, passando per la Belle Époque, per il Biedermeier, fino a giungere alla Secessione e al primo Espressionismo.Nel percorso espositivo spiccano sei opere di Gustav Klimt, tra cui il ritratto di Johanna Staude, dipinto tra il 1917 e il 1918, sei di Egon Schiele, tra le quali si segnalano Madre con due bambini III (1915 – 1917), Il medico e fisico dr. Hugo Koller (1918), e lo splendido L’abbraccio (1917), una delle opere più famose del maestro espressionista austriaco.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Villa Olmo: L’Abbraccio Di Vienna