Vincenzo Salemme fa ‘Cose da pazzi’

Lo sconosciuto benefattore, o corruttore, manda per i successivi nove mesi la stessa somma, nello stesso modo, a Cocuzza che, impaurito da questa strana ricchezza, riesce a non toccare neanche un soldo, nella speranza di capire da dove provenga questa fortuna (o maledizione). Quando i pacchetti smettono di arrivare, infatti, iniziano le visite di una serie di strani personaggi. Il regista e attore napoletano ci tiene a sottolineare che: “Cose da pazzi non vuole essere un film politico. L’idea mi venne subito dopo il congresso della Bolognina, quello della svolta di Achille Occhetto, con la scissione del partito comunista. Lessi un articolo su di una coppia, entrambi comunisti, che si separarono perché in disaccordo sulla linea del segretario. Poi due anni dopo cadde il regime sovietico e feci una nuova stesura della commedia portandola anche in palcoscenico.” Per questo suo ritorno nella scuderia di Vittorio Cecchi Gori, che produce il film, Salemme è voluto andare sul sicuro lavorando con un cast di amici e attori di compagnia. Maurizio Casagrande, ovvero il Cocuzza, esalta “l’importanza della compagnia, un gruppo di attori che lavora insieme per anni e che crea un meccanismo per cui recitare diventa naturale. In questo caso, poi, ho avuto l’impressione che tutto l’apparato narrativo della commedia, passando dal teatro al cinema, sia diventato più reale.” Il merito va quindi anche ad un cast in ottima forma, tra cui ricordiamo Lidia Vitale nei panni della moglie di Cocuzza, Teresa Del Vecchio in quelli della sorella Livia, la giovanissima Federica Sbrenna che interpreta la figlia Giulietta e Biagio Izzo, trapezista ispano partenopeo di dubbia moralità. Da non dimenticare, ovviamente, il grande Carlo Croccolo, che ci tiene a ricordare a Salemme, di cui è un grande estimatore – non a caso, racconta: “Vincenzo mi ha chiamato per offrirmi la parte, ma io aveva già accettato prima che finisse di dirmi di cosa si trattava” – che il regista gli ha fatto “la promessa di prenderlo in compagnia per uno spettacolo sul palcoscenico!”. “Cose da pazzi” debutta nei cinema italiani il 24 marzo, distribuito da Medusa in 150 copie circa.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Vincenzo Salemme fa ‘Cose da pazzi’