Vino novello: nei bicchieri dal 5 novembre

A ricordare le tappe di avvicinamento al "vino nuovo" è Coldiretti, sottolineando che la produzione italiana è stimata in circa 18 milioni di bottiglie. "Il vino novello – continua la Coldiretti – sarà offerto in negozi, ristoranti, enoteche, winebar e vinerie per essere consumato, al meglio delle sue qualità entro i prossimi sei mesi". Per chi non lo sapesse, infatti, il metodo di vinificazione messo a punto dal ricercatore francese Flanzy differisce profondamente da quello tradizionale, determinando una vera e propria scadenza per il vino così prodotto.Le uve del novello non vengono pigiate e fatte fermentare, ma viene invece effettuata la fermentazione direttamente con gli acini interi in modo che solo una piccola parte degli zuccheri presenti si trasformi in alcool, conferendo al vino il caratteristico gusto amabile e fruttato. Caratterizzato da una gradazione contenuta (11 gradi), il novello, dal caratteristico bouquet aromatico e dal colore rosso rubino, si sposa con i prodotti autunnali e riscuote sempre maggior successo tra i più giovani.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Vino novello: nei bicchieri dal 5 novembre