Volkswagen Eos: alba, vento e stelle

La filosofia che ha guidato la creazione della Eos è
anticipata già dal nome, preso in prestito dalla mitologia greca. Eos è infatti
la divinità greca che simboleggia l’aurora, un concetto che evoca il piacere di
guida offerto solo da una vettura scoperta. La leggenda parla di una divinità
che emerge dalle profondità del mare per portare la luce del giorno agli uomini,
ma è anche madre dei venti, della stella del mattino e della sera. Alba, vento,
stelle: in poche parole il piacere di guidare un’affascinante cabriolet.
Pochi
i dettagli diffusi dalla Casa tedesca, che limita le informazioni alla gamma di
motorizzazioni, da 85 kW/115 CV a 184 kW/250 CV, e alla condivisione del telaio
e di alcune caratteristiche tecniche principali con il modello Passat. Non
rimane che attendere il 12 settembre, quando i vertici
Volkswagen
presenteranno la Eos al prossimo Salone Internazionale dell’Automobile di
Francoforte.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Attualità:

    Ancora nessun commento

JUGO > Attualità > Volkswagen Eos: alba, vento e stelle