WiFi: nasce vernice anti warchalkers

Per impedire ai “warchalkers” di intrufolarsi nelle connessioni, a volte bastano i normali sistemi di sicurezza informatica, in altre anche il “firewall” potrebbe aver bisogno di una tinteggiata… Proprio così, il futuro della sicurezza per le reti wireless sembra essere una vernice, più precisamente quella denominata “Defendair Radio Shield” e prodotta dalla californiana Force Field Wireless. Si tratta di una vernice di tipo acrilico, dotata di un particolare additivo granulare composto da fibre di rame e alluminio, che sfrutta le note proprietà della “gabbia di Faraday”. Stendibile con pennello e rullo, ma non a spruzzo (per via della porosità), “Defendair” è capace di rifrangere le onde radio emesse dai dispositivi wireless fino ad uno spettro pari a 5 GHz: nella “schermatura chimica” rientrano quindi le tecnologie Wi-Fi, Bluetooth e la futura WiMax. Dal comunicato diffuso da Force Field Wireless si legge inoltre che: “Un millimetro di vernice è in grado di bloccare il 90% delle onde radio con frequenze tra i 100 MHz e i 2,6 GHz – … – Spessori maggiori arrivano a bloccare anche i 5 GHz”. Grazie alla tecnologia “RadioTrap” e “Window Shield” (una pellicola per le finestre), Force Field Wireless sembra aver trovato la soluzione ideale al problema “warchalkers”. E’ anche possibile acquistare il solo additivo, da aggiungere alla normale vernice, per ottenere lo stesso effetto con colori personalizzati.

Appassionato di Attualità?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Attualità > WiFi: nasce vernice anti warchalkers