Andrea Antonelli, incidente al GP di Mosca.

andrea-antonelli

Un’ altra tragedia si scaglia contro il mondo delle moto, ieri nel GP a Mosca. Andrea Antonelli, 25 anni italiano, sotto una forte pioggia perde il controllo della sua moto, Kawasaki, durante il primo giro, dove si viaggiava a 250km/h, cade a terra e viene investito dal pilota Lorenzo Zannetti, che non è riuscito ad evitarlo.

Questa notizia fa scattare una polemica, Marco Melandri, vincitore di  gara SuperBike tenuta sullo stesso circuito fatale per Antonelli, afferma ” La gara di Antonelli non si doveva correre”.  “La gara SuperSport non doveva iniziare, io stesso ho alzato la mano per chiedere la sospensione a due giri dalla fine per segnalare la pericolosità della troppa acqua, bisognava fermarsi ed evitare rischi” afferma il pilota, mentre Valentino Rossi lascia un commento su Twitter “Da Mosca è arrivata la notizia che fa venire a tutti la voglia di tornare a casa. Ciao Andrea”.

Dopo l’incidente Antonelli perde subito conoscenza, viene intubato e trasportato nell’ospedale del circuito, dove muore poco dopo in seguito al forte trauma riportato alla testa, il medico della Clinica  Mobile SuperBike, Massimo Corbascio dice ” Per Antonelli non c’è stato nulla da fare, ha ricevuto un colpo di 38mila kg sul cranio e non si è accorto di nulla, era impossibile rianimarlo”.

Melandri si sfoga “È necessario che i piloti vengono ascoltati dalla direzione di gara, ho chiesto in continuazione una safety commission che si riunisca per discutere della sicurezza in gara, come accade nel MotoGP, ma nulla è stato fatto ed io che continuo a combattere per questo vengo definito un rompiscatole, spero che questa tragedia sia d’esempio e che faccia aprire gli occhi a tutti”.

Anche il pilota Max Biaggi commenta su Twitter “Amo questo sport, ma in giornate come queste inizio ad odiarlo”.

La tragedia di Antonelli ci ricorda quella di Simoncelli, morto a soli 24 anni durante il Gran Premio della Malesia della MotoGP.

La gara di SuperSport, inizialmente sospesa, e la gara 2 di SuperBike, prevista per oggi pomeriggio, sono state annullate.

La storia di Andrea Antonelli.

Antonelli nasce a Castiglione del Lago (PG) il 17 Gennaio 1988. Ha partecipato come debuttante alla Coppa Italia con la sua Aprilia 125, si è presentato fin da subito come un pilota di talento e dopo pochi mesi arriva la sua prima vittoria a Magione. Nel 2008 partecipa al Mondiale Superstock e nel 2009 il passaggio al Team Trasimeno Yamaha Italia, nel 2010 ripassa nuovamente in Honda. Nell’Europeo Superstock 600 e Superstock 1000 lo troviamo per 14 volte sul podio. Nelle qualifiche di Mosca aveva conquistato il miglior risultato, meritandosi di partire in seconda fila nello schieramento.

Appassionato di Auto & Moto?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Auto & Moto > Andrea Antonelli, incidente al GP di Mosca.