La nuova Golf si presenta con la settima generazione

Il debutto di una nuova Golf non passa mai inosservato e il motivo è chiaro: in 38 anni, dal 1974 ad oggi, ne sono stati venduti più di 29 milioni di esemplari. Nel corso di tutto questo tempo, la filosofia Volkswagen è stata altrettanto lampante, ovvero rinnovare la vettura senza stravolgerne le caratteristiche. Sono passate così sei generazioni di Golf, sempre bestseller della Casa di Wolfsburg, e per la settima tutto lascia presagire lo stesso trend.

Walter de Silva e Klaus Bischoff, le due menti del progetto, si sono infatti limitati ad interventi mirati sullo stile della nuova Golf, sulla quale spicca però un cambiamento in fatto di proposizioni. Insieme allo stile inconfondibile che ritroviamo per montanti posteriori, linee di tetto e cristalli ed elementi trasversali di frontale e posteriore, ci sono il nuovo family feeling e una diversa distribuzione delle proporzioni: ruote anteriori avanzate di 43 millimetri, con lo sbalzo anteriore più corto a favore di una linea più filante del cofano. L’aspetto cab-backward, sottolineato da Klaus Bischoff, sposta la concezione della nuova Golf ad un livello più vicino alle classi superiori.

Se per giudicare lo stile vi rimandiamo alla galleria fotografica della nuova Golf 7, per comprendere le innovazioni tecnologiche, almeno per il momento, è necessario passarle in rassegna. Innanzitutto va detto che la settima generazione è più leggera della precedente di fino a 100 kg, un dato che insieme alle nuove motorizzazioni si traduce con un contenimento dei consumi di fino al 23%. A proposito di motori, si segnala il nuovo benzina da 140 CV con sistema di gestione attiva dei cilindri, con consumi dichiarati di 4,8 l/100 km. Sullo stesso livello di consumi anche il modello d’accesso 1.2 TSI 86 CV, mentre per tra i diesel si parte dai 3,8 l/100 km del 1.6 TDI 105 CV. A livello di efficienza, la Golf BlueMotion assicura invece consumi di 3,2 l/100 km ed emissioni di 85 g/km.

Nel dettaglio, al momento del lancio saranno disponibili i motori benzina 1200 cc TSI da 85 CV e 1400 cc TSI da 140 CV, i diesel 1600 cc TDI 105 CV e 2000 cc TDI da 150 CV. Per la Golf 7 marchiata BlueMotion bisognerà invece attendere il 2013 e, a seguire, arriveranno anche le versioni a gas ed elettriche, con tanto di plug-in.

In vendita in Germania con prezzi a partire da 16.975 euro, la nuova Golf di settima generazione propone poi sistemi tecnologici che spaziano dallo start/stop al recupero dell’energia, passando per quelli specifici nell’ambito della sicurezza. In particolare, ci riferiamo alla frenata anti collisione multipla (di serie), al sistema proattivo di protezione degli occupanti, al controllo automatico della distanza ACC con Front Assist e funzione di frenata di emergenza City e diversi programmi di guida. A proposito di tecnologia, da segnalare il display touchscreen di serie su tutti i modelli e una nuova offerta di infotainment ed entertainment. Sempre all’interno della vettura, invece, i nuovi interni si combinano con la maggiore abitabilità ricavata dalla rivisitazione delle proporzioni: più spazio libero per le gambe dei passeggeri seduti dietro e 30 litri in più di capacità del bagagliaio. Al lancio, la Golf 7 sarà disponibile nei tre allestimenti Trendline, Comfortline e Highline, in ordine di dotazioni dall’accesso al top di gamma.

Appassionato di Auto & Moto?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Auto & Moto:

    Ancora nessun commento

JUGO > Auto & Moto > La nuova Golf si presenta con la settima generazione