Al Salone di Ginevra l’Audi TTS che si guida da sola

L’obiettivo della ricerca non è, infatti, quello di rendere superflui il conducente e il piacere di guida, ma migliorare ulteriormente l’esperienza al volante e la sicurezza dei veicoli, a favore delle future generazioni.

Le tecnologie mirate alla marcia autonoma delle vetture potrebbero, per esempio, aiutare gli automobilisti a risparmiare tempo, occupandosi in autonomia delle operazioni di routine, come la guida verso il proprio posto auto all’interno dei parcheggi.

Il veicolo su cui sono state applicate le tecnologie facenti parte dell’Audi Urban Mobility è sviluppato partendo da una normale TTS. Gli ingegneri Audi hanno scelto questo modello perché le tecnologie di serie, quali il comando dell’acceleratore by wire e il cambio S tronic a doppia frizione, sono già di per sé adatte all’interfaccia elettronica, che rende possibile la guida senza alcun intervento umano.

In questa speciale TTS, l’hardware di comando non è molto più complesso di quello che si può trovare in un normale laptop. Allo stato attuale due computer, collocati nel vano bagagli, si occupano della gestione del veicolo. Il primo tiene conto degli algoritmi legati alla sicurezza usando Real Time Java della Oracle (Java RTS). L’altro segue gli algoritmi dinamici, ovvero il variare della velocità e delle condizioni di marcia. Il GPS differenziale permette poi di mantenere l’auto a non più di 2 centimetri dalla ideale linea di mezzeria.

Ricordiamo che, nel settembre dello scorso anno, questo prototipo ha completato la salita della leggendaria gara di Pikes Peak (USA), lunga 20 km e composta da asfalto e ghiaia, senza alcun intervento umano.

Appassionato di Auto & Moto?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Auto & Moto:

    Ancora nessun commento

JUGO > Auto & Moto > Al Salone di Ginevra l’Audi TTS che si guida da sola