Volkswagen a Detroit con E-Bugster, la Beetle elettrica

La Volkswagen Beetle non ha tempo, questo lo sapevamo già, ma il gruppo di Wolfsburg ha già pronti nuovi piani per portare nel futuro la sua vettura-icona. Finiti i tempi degli Hippie e quelli dei revival, per Beetle è il momento della concretezza, con la versione lanciata lo scorso aprile, e di innovazione.

Quel che sarà lo possiamo già vedere a North American International Auto Show di Detroit, dove Volkswagen porta in anteprima la sua E-Bugster, quella che è molto più di un’ipotesi di Beetle elettrica. Si tratta, infatti, di una Beetle speedster a due posti con 85 kW di potenza, in grado di raggiungere le 60 miglia orarie in appena 10,9 secondi, il tutto realizzato in totale assenza di emissioni e con un’autonomia dichiarata di almeno 110 miglia (180 km) nel ciclo urbano. Tra le particolarità di E-Bugster c’è anche quella di saper stupire con un look sportivo che va oltre l’idea di auto elettrica.

Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche di Volkswagen E-Bugster, da citare è la scelta di un motore elettrico di soli 80 kg di peso, posizionato nella parte anteriore. L’alimentazione del propulsore è affidata a una batteria agli ioni di litio, i cui moduli si trovano dietro i sedili anteriori, con una capacità di 28,3 KWh. Comoda la possibilità di ricaricare la batteria con la corrente domestica, delle tradizionali prese statunitensi da 120 volt nel caso del modello presentato a Detroit.

Guardando alle dimensioni, la E-Bugster è una Beetle alta meno di 1.400 mm (meno 90 mm rispetto alla vettura di serie), larga 1.838 mm (+ 30 mm) e lunga 4.278 mm (invariata). Si tratta di un prototipo, certo, ma l’esperienza Ragster lascia presagire un futuro su strada.

Appassionato di Auto & Moto?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Auto & Moto:

    Ancora nessun commento

JUGO > Auto & Moto > Volkswagen a Detroit con E-Bugster, la Beetle elettrica