Abraham Lincoln a caccia di vampiri: la scommessa di Tim Burton

La leggenda del cacciatore di vampiri

Dalla collaborazione tra Tim Burton, qui in veste di produttore, e il regista russo Timur Bekmambetov non poteva che nascere una storia bizzarra e affascinante allo stesso tempo. Bekmambetov (Wanted – Scegli il tuo destino) mette a frutto la sua doppia esperienza vampiresca maturata con “I guardiani della notte” e il follow-up “I guardiani del giorno” per dare vita a La leggenda del cacciatore di vampiri, un film che ci propone Abraham Lincoln nei panni del maggior cacciatore di non morti mai esistito.

“Lui era una persona comune, ma allo stesso tempo un uomo straordinario - spiegano i realizzatori del film a proposito di Lincoln -. La storia della vita di Lincoln è un tradizionale racconto di origini di un supereroe. E’ la personalità più vicina a un supereroe che la nostra nazione abbia mai conosciuto. Lasciando da parte i vampiri, Lincoln è cresciuto senza famiglia né denaro. Sua madre è morta quando lui era giovane. In effetti, tutti quelli che amava sono morti. Senza istruzione e potendo contare solo sulla sua mente, è diventato presidente e ha salvato la nazione”.

Basato sul romanzo di Grahame-Smith, sceneggiatore del film, “La leggenda del cacciatore di vampiri” ci mostra Lincoln (Benjamin Walker) partendo da quand’era ragazzino. La prematura scomparsa della madre, la prima di tutta una serie di morti che hanno caratterizzato la sua esistenza, si rivelerà essere causata dal morso di un vampiro. Da quel momento, Lincoln cercherà vendetta andando a caccia di vampiri in tutto il mondo…

Appassionato di Cinema?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Cinema > Abraham Lincoln a caccia di vampiri: la scommessa di Tim Burton