Django Unchained: Ultimo Capolavoro di Tarantino

django_jugo.it

Come tutti i suoi film, verrete travolti da una fantastica atmosfera spattler quasi al limite del verosimile, che in questo film bene si mescola con lo stile dei vecchi film western, Quentin riesce a reinventarlo, rendendolo più moderno, più cruento e spettacolare.

Percorrete la storia di Django Freeman, “uomo libero” appunto, uno schiavo in cerca della libertà, interpretato egregiamente da Jamie Foxx, che con l’aiuto del Dottor Schulz, interpretato dal fantastico attore Christoper waltz, vincitore anche dell’oscar come miglio attore non protagonista ,troverà la sua strada e libererà la moglie, Broomhilda Von Shaft, interpretata dalla bella Kerry Washington, schiava del signor Calvin Candie, interpretato da un eccellente e maturo Leonardo di Caprio.

Questo film è un chiaro omaggio ai Spaghetti Western all’italiana, in cui un Tarantino esperto della materia ci offre tutto e di più, dalle sparatorie, agli sguardi di sfida tra i protagonisti , alle inquadrature in primo piano e sopratutto le musiche, composte dal re delle colonne sonore dei western, Ennio morricone, autore delle famose colonne sonore di “per un pugno di dollari” e “il buono il brutto e il cattivo”. Egli affronta un tema molto difficile che è la schiavitù, subita in America per molto tempo dal popolo africano, con scene particolari come il sangue che schizza sui campi di cotone, una delle scene più significative del film, che ne descrive i lavori strazianti che essi esercitavano e la caratterizzazione, nei minimi particolari, della vendita degli schiavi e del brutale trattamento che essi subivano dall’uomo bianco americano.

Naturalmente per quanto capolavoro, esso presenta dei punti negativi come per esempio la durata, ben tre ore e mezze di film che risulano abbastanza pesanti, infatti poteva essere accorciato almeno di un ora, e infine ci si aspettava qualcosa di più, quel piccolo qualcosa che distinguesse questa pellicola dagli altri suoi film, il suo stile doveva essere più “marcato” come in bastardi senza gloria, dove proiettili e scalpi “volavano” per tutta la durata del film, qui sembra che lo stile tarantiano sia lasciato solo per alcune scene come il finale in grande stile, per dar spazio al normale svolgersi degli eventi. Rimane comunque uno dei più bei film di questo fantastico regista, se non l’avete ancora visto, sbrigatevi a guardarlo!

 

Appassionato di Cinema?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Cinema > Django Unchained: Ultimo Capolavoro di Tarantino