Final Destination 5: quinto capitolo in 3D per la celebre saga horror

Il film horror Final Destination 5

I fan del celebre franchise “Final Destination” si ritrovano al cinema a distanza di ben undici anni dal primo film di James Wong. Da allora di tempo ne è passato e la saga, affievolita dagli anni, cerca nuovo slancio con un quinto capitolo “fuoriprogramma”, almeno rispetto ai piani originali.

Scritto da Eric Heisserer e diretto da Steven Quale, “Final Destination 5” propone una nuova “opzione” ai protagonisti, la sopravvivenza: “Nei precedenti episodi di ‘Final Destinatio’n la morte dei personaggi è inevitabile e ci chiediamo dove e come accadrà – spiega il regista – è questo che ci dà la scarica di adrenalina. Ma in questo film abbiamo aggiunto suspense: forse alcuni di loro riusciranno a sopravvivere”.

Fedele all’ispirazione originale della saga, anche in “Final Destination 5” la morte è onnipresente e fin dall’inizio rivela la sua minacciosa presenza a un gruppo di persone dirette ad un raduno aziendale. Durante il viaggio in autobus, infatti, Sam (Nicholas D’Agosto) ha una premonizione: lui e quasi tutti i suoi amici, oltre a tante altre persone, perderanno la vita in un terribile crollo di un ponte.

Subito dopo, gli eventi iniziano a rispecchiare la premonizione e Sam fa il possibile per allontanare i suoi colleghi (Miles Fisher, Emma Bell) dal luogo del disastro prima che la morte faccia loro visita. Il loro destino non era però quello di sopravvivere e la morte torna a reclamarli. Nasce così una terribile corsa contro il tempo per sfuggire al sinistro piano della dea nera.

Appassionato di Cinema?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Cinema > Final Destination 5: quinto capitolo in 3D per la celebre saga horror