Quando “Lei” è un sistema operativo. Il futuro (prossimo?) dell’amore nel nuovo film di Spike Jonze

Theodore Twombly (Joaquin Phoenix) si guadagna da vivere componendo toccanti e appassionate lettere per conto terzi. La sua vita sembra aver raggiunto un’ impasse, tra l’incapacità di accettare la fine del suo matrimonio e i fallimentari tentativi di risollevarsi, finché un giorno acquista un nuovo sistema operativo, una vera e propria coscienza artificiale che promette un rapporto più intuitivo e personale con ogni utente. Oltre ogni aspettativa, tra Theodore e questa nuova entità, che si auto-battezza Samantha (con la voce di Scarlett Johansson), nasce immediatamente un legame particolare che si svilupperà fino a trasformarsi in una “vera e propria” relazione amorosa.

Spike Jonze, geniale creatore di universi alternativi, fonde due temi classici del cinema e della letteratura, la love story e la relazione individuo/tecnologia, creando una nuova amalgama che gli permette di esaminare la natura e il significato dei sentimenti sotto vari aspetti. Da una parte, infatti, Theodore può amare Samantha perché incapace di modellare il suo ideale d’amore su un essere umano. Samantha invece incarna una questione più metafisica. Attraverso di lei ci chiediamo come cambierebbe il nostro modo di sentire, di conoscere e di percepire il mondo se non fossimo legati a un corpo fisico.

Tuttavia, la personale visione del regista è anche e soprattutto una riflessione sul mondo di oggi. Le nostre relazioni si fanno via via sempre più tecnologiche e virtuali; in fondo, basterebbe recidere quel filo sottile che ci lega al referente reale, per ritrovarci nel mondo di Lei. Inoltre, cavalcando l’onda del paradosso, quelle che oggi chiamiamo reti sociali, se da una parte ci collegano al mondo, dall’altra ci rinchiudono sempre più nella nostra stanza. Del resto, una chiave di lettura ce la fornisce lo stesso Theodore quando osserva la gente uscire dalla metropolitana, condividendo lo stesso spazio fisico, eppure ognuno in grado di comunicare soltanto col proprio dispositivo.

Guardiamoci attorno, il futuro non è poi così lontano.

Visita il sito ufficiale di Lei (Her).

Guarda il trailer.

Appassionato di Cinema?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Cinema > Quando “Lei” è un sistema operativo. Il futuro (prossimo?) dell’amore nel nuovo film di Spike Jonze