Susan Sarandon fa scalpore: per lei il Papa è ‘un nazista’

Susan Sarandon in Dead Man Walking

Oltre ad essere un’attrice di grande spessore, infatti, Susan Sarandon è anche una donna impegnata e soprattutto informata sui fatti che avvengono nel mondo. Perché tutto questo preambolo? Domanda lecita, non fosse che la Sarandon ha recentemente dichiarato in un’intervista che Papa Benedetto XVI è “un nazista”.

Cosa spinge un’attrice affermata, oltre che donna matura e cosciente, a tale provocazione? Apparentemente nulla, almeno ricostruendo i fatti. Rilasciata al giornale “Newsday” nel corso dell’evento cinematografico Hamptons International Film Festival, la dichiarazione fa parte del racconto di un aneddoto, datato 1995, in cui Susan Sarandon spiega di avere inviato il libro “Dead Man Walking” al Papa di allora e non “a questo nazista che c’è adesso”.

E’ stata la Lega Cattolica a fornire, attraverso la voce del presidente Bill Donohue, una sorta di risposta/spiegazione alle parole della Sarandon, affermando che Joseph Ratzinger “ha fatto parte della Gioventù nazista come ogni altro quattordicenne tedesco dell’epoca”. In seguito, ha spiegato sempre il presidente dell’importante organismo a difesa dei diritti civili, l’attuale Papa ha più volte dimostrato il suo distacco dai principi del nazismo e oggi “gli ebrei lo considerano un amico e non un nemico”.

Quella di Donohue non è stata l’unica risposta alle parole di Susan Sarandon, accusata da più parti di essersi lasciata sfuggire un commento grave su Papa senza conoscerne a fondo la storia personale.

Appassionato di Cinema?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Cinema > Susan Sarandon fa scalpore: per lei il Papa è ‘un nazista’