The Bourne Legacy: la saga ha un nuovo inizio

The Bourne Legacy

Chissà cosa deve essere passato per la mente alla produzione di una delle saghe di maggior successo degli ultimi anni dopo che, a seguito dell’addio del regista Paul Greengrass hanno fatto i bagagli anche Matt Damon, alias Jason Bourne, e Julia Siles, alias Nicky Parsons. Il rischio di figuraccia, con un quarto capitolo di un “Bourne senza Burne” era più che un rischio. La bravura dei produttori è stata quella di affidare The Bourne Legacy allo sceneggiatore Gilroy (da regista Michael Clayton e Duplicity) quale segno di innovazione e continuità. Il risultato ha diviso la critica (e come non avrebbe potuto dopo tanto successo?), ottenendo però illustri pareri positivi e, quel che più conta, un buon successo di pubblico.

In “The Bourne Legacy”, infatti, non è stato fatto l’errore di sostituire semplicemente gli attori, preferendo a questa possibilità la scelta rischiosa di trovare nuovi personaggi e di aggiungerci qualche “bel mastino” come Edward Norton. A tutto ciò, inoltre, si aggiunge la carica di novità che l’apprezzato Tony Gilroy ha saputo mettere nel suo lavoro.

Per quanto riguarda la storia, sempre avvincente, il quarto film di Bourne va a scavare nel programma Treadstone, per illustrare uno scenario nuovo e, se possibile, ancor più intricato di quanto si credeva. In questo contesto si inserisce un nuovo eroe che deve combattere per restare in vita. Attraverso le gesta di quest’uomo, il pubblico scoprirà che esistono vari programmi di intelligence oltre a Treadstone…

Appassionato di Cinema?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Cinema > The Bourne Legacy: la saga ha un nuovo inizio