Advertising Barter: lo scambio merce-pubblicità

Il cambio merce pubblicitario consente alle aziende inserzioniste di ottenere spazi pubblicitari senza spendere alcun soldo. I pagamenti infatti avvengono tramite lo scambio di beni per servizi evitando l’intaccamento del patrimonio aziendale.
Il sistema permette alle aziende di rivalutare eventuali eccessi di magazzino investendoli in questa attività; ciò comporta un minor numero di debiti, la creazione di occasioni per nuovi mercati esteri, la tutela della liquidità aziendale, il miglioramento degli indici di indebitamento, una maggiore razionalizzazione dei costi e garantisce rimanenze finali più veritiere.
Il concetto si ricollega all’antica forma di commercio: ill baratto, che vedeva lo scambio della merce come pilastro di questo tipo di economia. Questo meccanismo è stato rinnovato in America negli anni ’50 per poi essere utilizzato anche in Italia dagli anni ’80.
L’assenza dei classici trasferimenti monetari rende però lo scambio della merce alquanto difficile da applicare; proprio per questo è necessaria la presenza di operatori specializzati nel settore.

Come funziona questo sistema?

Il processo è molto semplice. L’azienda inserzionista, come precedentemente detto, paga il servizio scambiandolo con la propria merce. I prodotti in questione verranno successivamente venduti in un mercato chiuso detto ADV Store accessibile solo dagli utenti registrati e possessori di una ADV Card. La nostra azienda provvederà alla valutazione della merce e alla sua vendita; analizzerà gli obiettivi e le necessità del cliente sviluppando la campagna migliore in base al caso proposto.
Tutto questo presenta essenzialmente solo aspetti positivi per il cliente in quanto, oltre a non sostenere alcun costo di carattere monetario, non dovrà nemmeno preoccuparsi della vendita dei prodotti ceduti perchè saremo noi a farlo. Inoltre il raggiungimento di clienti all’estero permette all’azienda di farsi conoscere oltre i confini nazionali favorendo un aumento del raggio d’azione.
Il sistema garantisce un aumento delle vendite sicuro e totalmente controllabile e un netto miglioramento della reputazione:
l’azienda potrà infatti entrare in contatto con altri partner migliorando la propria immagine, sarà in grado di valorizzare le eccedenze o i prodotti invenduti e assisterà ad un aumento delle vendite causato dal rapido cambiamento dell’indice di rotazione del magazzino
I vantaggi saranno però evidenti anche per le aziende media che verranno incentivate attraverso la possibilità di accedere ad un club privato che offre prodotti unici, un aumento della reputazione grazie alla possibilità di investire l’invenduto senza intaccare il posizionamento di prezzo e un netto aumento dell’offerta presso il consumatore finale.
I prodotti che possono essere scambiati sono quasi illimitati: viaggi, vacanze, noleggi auto, eventi teatrali, incentivi per dipendenti o clienti, elettronica, apparecchiature informatiche, attrezzature tecniche, beni al dettaglio, prodotti alimentari, vini, liquori, artigianato, forniture per uffici, prodotti per il corpo o per la casa, abbigliamento, accessori di vario genere, gioielli ecc… Insomma è possibile scambiare di tutto.

Per scambio si intende sinteticamente “la cessione di un bene o servizio che si possiede in cambio di moneta“; questa è la definizione che tutti noi siamo abituati a sentire dalla collettività. Il primo tipo di commercio esistito tuttavia avveniva senza la presenza di moneta; tale metodo di scambio venne però sostituito in quanto era difficile trovare un individuo che avesse bisogno del bene in offerta e che contemporaneamente possedesse qualcosa di valido da offrire in contropartita. Almeno così è stato fino ad oggi…
Nella nostra epoca stiamo assistendo alla nascita di nuovi tipi di economia: molti di essi sono completamente nuovi mentre altri “riscoprono” antichi metodi di scambio. Uno di questi è proprio lo scambio merce pubblicità. Questo sistema ha preso il lato migliore del baratto (ossia l’assenza di moneta), e ha tolto i lati negativi. Ora non sono più presenti le difficoltà che caratterizzavano questo tipo di commercio in quanto questo è un circuito gestito e regolato in cui molteplici imprese associate comprano beni e servizi disponibili nel circuito assumendo un debito (che non produce interessi) nei confronti del mediatore che compenseranno successivamente con la vendita di beni e servizi

Possiamo aiutare le aziende in difficoltà dando loro la possibilità di investire le loro merci in un servizio utile e soprattutto privo di scambi di carattere monetario. L’intero sistema è basato su un sistema tanto antico quanto semplice che ne garantisce la sicurezza e l’affidabilità
Questa è essenzialmente la filosofia del nostro unico servizio e di questo innovativo (e antico) sistema di scambio della merce.

Appassionato di Costume?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Costume > Advertising Barter: lo scambio merce-pubblicità