Asteroidi vicini alla Terra: Eros 433 visibile dall’Italia

Asteroide

Il recente passaggio di 2012 BX34, avvenuto appena il 27 gennaio scorso, e quello di Eros 433, atteso per il 31 gennaio, sembrano volerci ricordare che la Terra è esposta al rischio asteroidi. Lo sanno bene gli scienziati che non si limitano solo ad osservare questi fenomeni di indubbia spettacolarità.

E’ di questi giorni, infatti, la notizia che l’Unione Europea ha deciso di investire nuovi fondi in un consorzio capace di sviluppare un scudo anti asteroidi, partendo dagli studi tedeschi del progetto NeoShield, dell’Institute of Planetary Research di Berlino. Spetterà ai ricercatori, europei ma non solo, studiare un metodo efficace per proteggere la Terra da asteroidi che, in futuro, potrebbero incrociare la loro traiettoria con il nostro Pianeta.

Guardando al presente, invece, l’attenzione degli addetti ai lavori e dei curiosi per il passaggio dell’asteroide 2012 BX34, arrivato a meno di 60mila chilometri dalla Terra, sarà presto bissata da quella per Eros 433, una “vecchia conoscenza” per la Nasa e l’intera comunità scientifica. Il passaggio del piccolo asteroide Eros 433 avverrà a poco più di 26 milioni di chilometri dalla Terra ma, per una serie di fattori favorevoli, sarà ben visibile anche dall’Italia nella notte tra il 2 ed il 3 febbraio, quando sarà alla sua massima luminosità: telescopi puntati verso le stelle del Sestante.

Appassionato di Costume?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Costume > Asteroidi vicini alla Terra: Eros 433 visibile dall’Italia