Birrifici Italiani: La patria del vino sta scoprendo il luppolo?

birra_jugo.it

E’ già da un po’ ormai che in Italia si sente sempre più spesso chiacchierare di birra. Superato il classico binomio birra chiara-birra scura, sempre più persone si stanno scoprendo appassionate, fanatiche, estasiate da un mondo che prima molti consideravano esistente solo fuori dai confini del Bel Paese: il mondo delle Birre Artigianali. Si fanno largo a forza, gli intenditori, tentando di ritagliare uno spazio anche qui per un argomento ancora troppo spesso relegato a un ruolo di secondo piano, molto indietro rispetto alla produzione vinicola. Vero che dalle vigne italiane escono nettari divini che tutto il mondo ci invidia, vero che produciamo vino fin da tempi antichissimi. Ma non è che basti buttare del luppolo in un barile per far uscire ottima birra.

Dopo un lunghissimo periodo nel quale dire birra equivaleva a dire “bionda, leggera, ghiacciata”, negli ultimi anni l’interesse italiano si è spostato sulle birre “speciali”. Ed ecco nascere un numero crescente di sagre e festival dedicati agli appassionati. Persone che si sono appena affacciate all’universo della birra artigianale, chi per caso, chi perché le ha assaggiate in vacanza e ne è rimasto affascinato, gli esperti e chi beve di gusto ma vuole conoscere bene quello che beve. Tutti riuniti attorno a una bevanda semplice, fatta di pochi ingredienti, ma che strega con le sue infinite variazioni.

Accanto ai classici pub all’inglese sono in costante aumento le inaugurazioni di locali dedicate alle birre nostrane, spillate con arte da professionisti. Mastri birrai propongono le migliori birre dei produttori locali, e sono lieti di spiegarne le caratteristiche e le qualità. Un bicchiere diverso per ogni tipo di prodotto, per poterne apprezzare al meglio colore, sapore e profumi. In locali come questi si può davvero scoprire che non c’è più solo la birra, quella classica che disseta e rinfresca, ma le Birre, ognuna con la sua personalità e il proprio corpo, le proprie caratteristiche principali e i retrogusti. E non tutte vanno servite ghiacciate, alcune, bevute appena fresche, offrono esperienze sorprendenti.

Quello che accomuna tutti i produttori artigianali, dalle prime aziende, che hanno fatto da apripista nel settore, a quelle nuove, piccole ma con grandi potenzialità, è la spiccata dedizione al territorio e agli ingredienti migliori. Ingredienti italiani per una produzione tutta italiana, dall’acqua al luppolo.

A cavalcare l’onda di questa nuova passione, sono comparse interessanti pubblicazioni che raccontano la storia e l’evoluzione di questa nuova realtà italiana, e numerosi siti si dedicano alle notizie del mondo della birra, o propongono elenchi e guide ai microbirrifici italiani.

E l’ultima passione che ha travolto i garage è quella di diventare un home brewer, produrre da sé la propria birra. Molti hanno iniziato per gioco, tutti lo fanno per stare in compagnia, ma i risultati sono spesso sorprendenti. Produzioni limitatissime (nella maggior parte dei casi si parla di una ventina di litri) ma tanta voglia di mettersi in gioco, provare e vedere cosa succede.

Una comunità in espansione, un territorio in fermento.

Appassionato di Costume?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Costume:

    Ancora nessun commento

JUGO > Costume > Birrifici Italiani: La patria del vino sta scoprendo il luppolo?