Cani e gatti salva-vita

Cani_Jugo.it

Quando siamo in difficoltà, chiediamo aiuto ad amici e parenti, ma non ci sogneremmo mai di rivolgerci al gatto o al cane di casa.

Questo tipo di cose, infatti, pensiamo che accadano solo nei film; eppure ci sono tante associazioni animaliste nel mondo che ogni anno stilano classifiche di animali che si sono distinti per avere aiutato e salvato vite umane. Come, per esempio, Etoile de nuit, una micia di tre anni che ha salvato una famiglia intera da un incendio che divampava in casa, miagolando ininterrottamente fino a svegliare la padrona di casa. Per far alzare il suo padrone macMurray invece Timmy oltre a miagolare ha dovuto graffiargli il viso più volte: aveva perso conoscenza per il fumo.

Preveggenza. Gli animali sono sensibili ai cambiamenti atmosferici, ma anche a quelli fisici dei padroni. Quando Tee Cee zompa accanto a Michael Edmonds, malato di diabete, e lo fissa in maniera insistente lui capisce che gli sta per venire un attacco e può chiamare aiuto per tempo. La stessa cosa succede tra Mel-o e il suo padroncino Alex: trovate la loro storia qui.
Ma Come fanno? Sembra che i cani e i gatti riconoscano dalla variazione dell’odore dell’alito gli sbalzi di glicemia che causano le crisi da diabete. Ognuno di noi infatti ha un odore unico, che i nostri animali riconoscono e memorizzano: è dovuto al funzionamento delle ghiandole sudoripare e sebacee, ed è legato all’età, ai cambiamenti ormonali, alle emozioni e allo stato di salute. Ed è proprio dalle variazioni del nostro odore, per noi impercettibili, che gli animali sentono quando siamo arrabbiati, tristi e anche quando stiamo male.

Cani che lavorano. Ma non è solo questione di fiuto. Gli animali osservano molto i comportamenti dei padroni perché è l’unico modo che hanno di interpretare cosa vogliamo da loro. Nei corsi di assistenza medica per cani, gli addestratori utilizzano questa  caratteristica per creare una forte intesa e capirsi subito. Poi insegnano loro a riconoscere i segnali di un pericolo, e a trovare una soluzione adatta. Come ha fatto Salty, il labrador-guida di Omar Rivera, un signore non vedente: l’11 settembre 2001 durante lo schianto degli aerei contro le Torri gemelle a New York, accompagnò il suo padrone fino all’uscita di una delle torri, scendendo dal 71esimo piano per le scale piene di fumo.

Per saperne di più: il libro della sociologa Laetitiza Barlerin, Storie incredibili di animali fuori dal comune  riporta queste ed altre storie di amicizia tra uomini e animali documentate.

Appassionato di Costume?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Costume > Cani e gatti salva-vita