Castagne: produzione dimezzata da caldo e insetto killer

Castagne

A fornirci il quadro della situazione-castagne è la Coldiretti che, dopo l’allarme, ci racconta alcuni dettagli di questo autunno senza castagne. Colpa del grande caldo di fine estate certo, ma anche del “Cinipide galligeno del castagno”, un insetto di cui pochi conoscevano l’esistenza… almeno fino ad oggi.

Già ribattezzato “insetto killer delle castagne” questo minuscolo essere provoca nella pianta la temuta formazione di “galle”, ingrossamenti delle gemme di varie forme e dimensioni. Lo si può sconfiggere? Non potendo utilizzare prodotti, gli addetti ai lavori si sono già attrezzati con una capillare guerra biologica, i cui esiti non sono comunque garantiti. Nel dettaglio, si è provveduto alla diffusione dell’insetto “Torymus sinensis”, antagonista naturale del “Cinipide galligeno del castagno”, ma ci vorrà molto tempo per ottenere un adeguato contenimento.

Un bel guaio per l’Italia che, sottolinea la Coldiretti, è leader in Europa per la produzione di castagne ed occupa il quarto posto a livello mondiale, dopo Cina, Corea del Sud e Turchia. Ad ogni modo, proprio l’elevata produzione garantirà comunque l’arrivo delle castagne nostrane sulle tavole e nei tradizionali chioschi… anche se a prezzi più alti. Per chi non vuole rinunciare alle castagne di casa nostra, magari a favore di queele d’importazione (spagnole in particolare), ricordiamo che ne esistono ben dodici varietà che hanno ottenuto il riconoscimento europeo di Igp o Dop.

Ecco due tipiche preparazioni delle castagne:

  • Arrosto: dopo averle incise sul lato bombato metterle in una padella di ferro con il fondo forato e cuocerle – o sul fuoco vivo o in forno – per circa 30 minuti, dopo la cottura si consiglia di avvolgerle in un canovaccio umido.
  • Lesse: dopo averle lavate accuratamente, cuocerle in abbondante acqua salata per circa 40 minuti.

Ma le castagne sono anche alla base di dolci tipici come il castagnaccio, possono essere cotte in latte e zucchero o usate per particolari ripieni, così come per la preparazione di primi piatti o elaborati secondi a base di carne. L’unico limite è la fantasia… ed un nemico di nome “Cinipide galligeno del castagno”.

Appassionato di Costume?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Costume > Castagne: produzione dimezzata da caldo e insetto killer