Cigs: dal Cnr il fotovoltaico low cost

Solare

Potrebbe arrivare dall’Italia un nuovo impulso al settore del solare-fotovoltaico, più in particolare da Parma dove gli studiosi studiano ormai da tempo gli impieghi dei materiali per l’elettronica e il magnetismo. Pubblicata su Applied Physics Letters, l’ultima scoperta dei ricercatori italiani riguarda la produzione basso costo di moduli fotovoltaici innovativi, a base di film sottili di diseleniuro di rame, indio e gallio.

Massimo Mazzer, dell’Imem-Cnr, spiega: “Questo materiale policristallino, noto con l’acronimo di Cigs, è ideale per applicazioni fotovoltaiche soprattutto perché assorbe la luce in modo molto efficiente. È però complesso da sintetizzare sotto forma di film sottile mantenendo le necessarie caratteristiche di composizione chimica e di struttura cristallina. Finora per la deposizione dei film si è ricorsi a processi di sintesi complessi, che richiedono numerosi passaggi in condizioni anche molto diverse di temperatura e pressione: la produzione su scala industriale di moduli fotovoltaici a base di Cigs non è pertanto decollata a causa degli alti costi”.

Cosa sono riusciti a fare gli studiosi italiani? Si tratta di un nuovo processo con scariche elettriche controllate che, prosegue Mazzer, “consente di depositare film sottili di Cigs, con un unico passaggio a temperature di circa 270°C, molto più basse dell’attuale limite inferiore di circa 400°C dichiarato da altri centri di ricerca e industriali in tutto il mondo”.

L’efficienza ottenuta con il nuovo processo si attesta al 15%, già in linea con i migliori standard, ma dall’Imem assicurano che si può fare ancora meglio: “Ci aspettiamo di riuscire a colmare ulteriormente il gap con l’attuale record mondiale del 20,3% ottenuto in laboratorio dai ricercatori dello Zsw di Stoccarda”.

Ma quali sono i vantaggi del Cigs con processo a basse temperature? Si tratta dell’impiego su un’ampia gamma di substrati, tra cui nastri metallici o materiali plastici flessibili. Ad esempio, si potranno realizzare prodotti fotovoltaici da integrare nell’edilizia, dove si consumano i due terzi circa di tutta l’energia elettrica distribuita dalla rete.

Appassionato di Costume?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Costume > Cigs: dal Cnr il fotovoltaico low cost