Decanter World Wine Awards 2011: Francia domina, sorpresa Portogallo

Decanter World Wine Awards 2011

Oltre 12.000 vini in concorso, ma solo 25 hanno potuto fregiarsi, simbolicamente e nell’etichetta, di un titolo al Decanter World Wine Awards 2011. A premiarli sono stati i degustatori di tutto il mondo, “scovati” da Decanter ed Enomatic da Mumbai a San Paolo, da New York a Parigi, da Shanghai a Mosca.

Tra i vini che hanno riscosso particolare successo al DWWA 2011 e da tenere d’occhio sugli scaffali vi sono quelli dei produttori “tradizionali” del Vecchio Mondo: Francia, Italia, Portogallo, Germania, Spagna, Grecia e Slovenia, che hanno tutti vinto trofei internazionali. Di rilievo il risultato ottenuto dalla Francia che ha vinto in totale il 12% dei trofei internazionali, incluso il premio per uno Chardonnay nella categoria dei vini al di sotto delle 10 sterline.

Nel complesso, la Francia ha vinto medaglie per il 63% dei suoi vini in concorso, migliorando del 2% il risultato dello scorso anno. In netto rialzo sono le quotazioni del Portogallo, con premi per l’84% dei vini presenti in concorso, inclusi 3 trofei internazionali.

Non ha tradito all’appuntamento nemmeno la Spagna, in concorso con ben 1.200 vini, che si è aggiudicata il maggior numero di medaglie ed encomi (828) nella storia del concorso. Regioni emergenti quali Arribes, Arlanza, Tierras de León e Monterrei hanno iniziato a mostrare il proprio valore e le prospettive per il futuro sono estremamente promettenti. Il trofeo internazionale per i vini rossi italiani ha visto darsi battaglia tre “pesi massimi” provenienti da Piemonte, Toscana e Veneto. Il trofeo è andato al Brunello del toscano Piccini per la capacità di abbinare qualità e quantità.

Appassionato di Costume?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Costume > Decanter World Wine Awards 2011: Francia domina, sorpresa Portogallo