Gli italiani acquistano online: quanto si risparmia?

bank

Due sono i fattori che maggiormente indirizzano gli italiani verso gli acquisti online:
da una parte, la sempre più sentita necessità di risparmiare, di fronte ad un periodo difficile per molti; dall’altra, e questo può essere visto come un elemento positivo, la maggiore capacità e disponibilità ad utilizzare un mezzo importante come internet. Necessità e competenza ormai acquisita inducono le persone a cercare online ciò di cui hanno bisogno, a volte anche solo per fare confronti di prezzi e di prestazioni, senza andare in giro per negozi. Seduti in poltrona, con pochi click, si può conoscere ogni dettaglio di un oggetto o di un’offerta, confrontarla con molte altre, scegliere, pagare e ricevere in pochissimo tempo ciò che si è acquistato. Questa semplicità, abbinata al passaparola dell’amico che ha comprato, ha risparmiato e si è trovato bene, è sicuramente un’ottima forma di pubblicità che incrementa il numero di coloro che cercano in rete ciò di cui hanno bisogno.

La ricerca online è facile, sempre più intuitiva ed ormai applicabile a qualsiasi genere di prodotto. Si spende sui siti internet per l’elettronica, per l’abbigliamento, per i viaggi, per oggetti per la casa ed anche in prodotti specifici per i nostri bambini, come ad esempio per la scelta del passeggino. I metodi di pagamento accettati consentono di scegliere quello più consono ai propri stili di vita e vanno dalla carta prepagata, al bonifico, fino al contrassegno. L’Italia si posiziona al terzo posto in Europa per la convenienza delle vendite online, con circa -17,3% di risparmio medio rispetto ai negozi tradizionali. Il settore che conviene maggiormente è quello alimentare, col -38,2% di risparmio, seguono libri, automobili e cd. Meno convenienti giochi, cosmetici e telefonia. Per valutare la reale convenienza di un acquisto, non bisogna dimenticare di sommare i costi di spedizione.

Spesso le grandi catene commerciali propongono offerte esclusive per gli acquirenti in rete, spingendo anche i più incerti ad accostarsi a questo nuovo modo di procurarsi beni necessari o voluttuari. I siti dell’editoria propongono regolarmente sconti su libri, e – book ed e – reader; identica prassi riguarda le piattaforme dove acquistare musica o videogames. I portali di tecnologia e prodotti hi – tech dedicano offerte e promozioni su tutto quanto riguarda il settore che, tra l’altro, è molto gettonato e fanno ulteriori sconti per categorie come studenti, docenti o dipendenti scolastici. Abbigliamento, accessori e gastronomia sono gli altri campi in cui si spende volentieri online.

I tempi di consegna, piuttosto veloci anche scegliendo invii normali, sono un punto importante per il successo dell’ E – commerce. Una delle priorità per l’acquirente è ottenere al più presto il prodotto e più i tempi di attesa si riducono, più internet alletta i consumatori. In tutto questo gioca un ruolo fondamentale lo sviluppo dei browsers e, in sintesi, la capacità dei siti di supportare un’interazione con l’utente che permette ogni tipo di operazione, dalla visualizzazione dei contenuti, alla sicurezza delle operazioni svolte online. Altri punti a favore degli acquisti in rete, che sembrano scontati, ma così non è, sono le garanzie offerte alla pari, se non più, del comune acquisto diretto e cioè la possibilità di reso, la protezione dei dati personali, le informazioni su colui che fornisce il servizio.

Appassionato di Costume?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Costume:

    Ancora nessun commento

JUGO > Costume > Gli italiani acquistano online: quanto si risparmia?