Il talento poliedrico di Geppi Cucciari: da “G’ Day” a “Passione Sinistra”

geppi-cucciari

Diventa popolare partecipando al cabaret televisivo Zelig Circus, contesto nel quale recita monologhi che hanno come perno le differenze tra uomo e donna, argutamente colte nel loro lato farsesco e buffonesco.

Debutta dunque su La7, dov’è ospite fissa del programma condotto da Victoria Cabello Victor Victoria. L’affermazione professionale arriva con la conduzione del fenomeno televisivo degli ultimi anni,  Italia’s got talent, ma soprattutto con il preserale di La7, G’ Day.

Fortemente voluta da Enrico Mentana, Geppi ha dimostrato il suo talento e la sua poliedricità: dalla creazione di molte rubriche surreali, alle irriverenti domande agli ospiti, passando per le battute fulminee rivolte a chiunque si prendesse troppo sul serio. In questo contesto la conduttrice sarda ha reso evidente che, per farsi apprezzare dal pubblico, non c’è bisogno di bellone da copertina.

Proprio grazie a G’ Day, gioellino televisivo chiuso dopo due stagioni per mancanza d’ascolti, la conduttrice sarda ha partecipato, portando ilarità e un tocco di “allegrezza“, come dice lei, alla serata finale del Sessantaduesimo festival della Canzone Italiana. La sua performance, apprezzata da pubblico e critica, sembra essere il preludio a una futura conduzione della kermesse.

È da poco uscito nelle sale il film di cui è co-protagonista, Passione sinistra: come sostenuto da molti critici, l’attrice sarda è l’unica a spiccare per il suo grande talento, portando una ventata d’aria fresca in una storia in cui padroneggiano i luoghi comuni.

Il futuro si prospetta felice per la comica sarda: fresca di nozze, a settembre debutterà nel prime time di La7 con un nuovo show in cui potrà, ancora una volta, dimostrare la propria bravura.

Appassionato di Costume?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Costume:

    Ancora nessun commento

JUGO > Costume > Il talento poliedrico di Geppi Cucciari: da “G’ Day” a “Passione Sinistra”