Overdose di siti porno: giovani a rischio ‘anoressia sessuale’

Sesso

A lanciare l’allarme di questa evoluzione (se così la possiamo definire) della porno-dipendenza è la SIAMS, la Società Italiana di Andrologia Medica e Medicina della Sessualità, riunita in questi giorni ad Abano Terme (Padova).

Secondo Carlo Foresta, presidente SIAMS, il nuovo fenomeno della “anoressia sessuale” colpisce soprattutto i giovani maschi di età compresa tra i 20 e i 25 anni, manifestandosi come un calo del desiderio e mancate erezioni, anche in assenza di problemi di tipo fisico.

Sotto accusa è una sessualità che, complice la diffusione di Internet, è sempre più virtuale e meno reale. A dimostrarlo sono i dati sulle frequentazioni dei siti pornografici in Italia: 7,8 milioni di utenti solo nel mese di novembre 2010, pari al 58% in più rispetto allo stesso mese del 2005.

Gli andrologi sottolineano poi che la prima volta su un sito porno arriva troppo presto, a 13-14 anni, rallentando quella che viene definita come una maturazione sessuale. Il giovane navigatore, posto di fronte a foto e video hot, si espone al problema di un’assuefazione ad una sessualità troppo spinta che, nella realtà di tutti i giorni, si trova scollegata da fantasia e rapporti umani. Per Carlo Foresta e la SIAMS contribuisce a determinare un calo quel calo del desiderio che è stato ribattezzato “anoressia sessuale”.

Appassionato di Costume?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Costume:

    Ancora nessun commento

JUGO > Costume > Overdose di siti porno: giovani a rischio ‘anoressia sessuale’