Spesa e crisi: italiani risparmiano con pasta invece della carne

Fusilli - Pasta

Rivisitando vecchi modi di dire possiamo affermare che gli italiani sono alla pasta e non alla frutta. Un gioco di parole per sottolineare quanto l’attuale crisi economica stia incidendo, oltre che nelle quantità, anche nella qualità della spesa di tutti i giorni. Secondo Coldiretti, infatti, l’incertezza economica pesa sempre più sulle scelte dei consumatori che, oltre a comprare di meno (-1,5% a luglio per i consumi alimentari), cambiano la loro dieta in funzione dei cibi più a buon mercato.

Cosa significa? Meno bistecche (-6%), pesce (-3%) e ortofrutta (-3%) e più pasta (+3%), pane (+3%) e carne di pollo (+1%). Cibi più nutrienti e meno costosi, quindi, che vanno a bilanciare a tavola il ridimensionamento del carrello della spesa. Se il dietologo potrebbe avere da ridire sui tagli a carne e, soprattutto, a pesce, frutta e verdura, un “magra” consolazione arriva invece dai cibi “accessori”, quelli che comunemente chiamiamo vizi.

Con la crisi, infatti, cala drasticamente il consumo di bibite (-7%) e caramelle (-6%), ma anche di aperitivi (-4%), liquori (-3%), dolci e dolciumi con cioccolato (-3%). I dessert di fine pasto, con il -10%, sono ormai un ricordo in molte famiglie.

Cambiano dunque le scelte dei consumatori a tavola, ma anche fuori di casa, con molti italiani che rinunciano al classico cornetto e cappuccino al bar. A dirlo è l’aumento dei consumi per i prodotti della prima colazione fai-da-te: fette biscottate, biscotti, latte e caffè macinato.

Cosa succederebbe in caso di passaggio dell’Iva dal 21% al 23? La Coldiretti stima effetti pesanti sui consumi, già ridotti all’osso, con un aumento complessivo della spesa alimentare di oltre un miliardo ed effetti insostenibili sull’inflazione.

Appassionato di Costume?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Costume > Spesa e crisi: italiani risparmiano con pasta invece della carne