Addio Android Market: Google Play nuovo punto di riferimento

Google Play

I servizi sempre più numerosi, la rapida crescita di Android e la necessità di rendere i contenuti degli utenti sempre disponibili hanno convinto Google al lancio di una piattaforma unica, disponibile in modalità cloud e completamente dedicata all’intrattenimento. La nuova casa di applicazioni, canzoni, film e libri si chiama Google Play e, a guardarla bene, somiglia tanto ad iTunes di Apple. In fondo, le esigenze dei due colossi sono sempre più coincidenti, soprattutto per quel che riguarda il mondo mobile, dove Google sta investendo parecchio.

Con la nascita di Google Play, l’azienda di Mountain View riunisce i vecchi Android Market, Google Music ed eBookstore offrendo così all’utente un unico luogo per scaricare più di 450.000 applicazioni e giochi per dispositivi Android, acquistare ed archiviare in cloud fino a 20.000 canzoni, sfogliare un immenso archivio di eBook ed affittare i film preferiti.

Per quanto riguarda i possessori di tablet e smartphone Android, il passaggio da Android Market a Google Play comporterà un aggiornamento dell’applicazione Android Market installata sul dispositivo al nuovo Google Play Store. L’update avverrà nei prossimi giorni e, oltre a fornire nuovi servizi, non avrà ripercussioni sugli acquisti già effettuati.

Per celebrare la nascita di Google Play, Google ha preparato una serie di offerte con sconti giornalieri che riguardano album, libri, video a noleggio e applicazioni Android (i servizi non sono disponibili in tutti i paesi). L’operazione si chiama 7 Days to Play e, come indica il nome, avrà la durata di una settimana.

Appassionato di Internet?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Internet > Addio Android Market: Google Play nuovo punto di riferimento