Film e contenuti illegali: anche il link al download può essere punito

aboutelly

Destinata a cambiare le regole di un comportamento Internet da tempo sul filo della legalità, la sentenza della nona sezione del Tribunale di Roma costituisce un precedente da non sottovalutare. Nel particolare, i giudici romani hanno accolto l’esposto della’azienda di distribuzione cinematografica Pfa, rappresentata da Open Gate, nei confronti di Yahoo!, diffidata dal pubblicare sul proprio motore di ricerca i risultati di siti che offrivano link a download illegali del film “About Elly”.

Secondo la sentenza italiana, non avendo Yahoo! eliminato quei link dopo la segnalazione di Pfa è diventata una sorta di “complice” dei siti che ospitano i contenuti pirata. Nello specifico, si tratta di un caso di “contributory infringement”, ovvero di un “aiutino” a coloro che violano il copyright. La decisione del tribunale di Roma farà discutere ancora a lungo sul ruolo dei motori di ricerca e sulle specifiche responsabilità.

Appassionato di Internet?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Internet > Film e contenuti illegali: anche il link al download può essere punito