Filtri P2P per l’ADSL di Telecom Italia: cosa ne pensano gli utenti?

Logo Telecom Italia

La decisione è stata presa “allo scopo di garantire l’integrità della rete e il diritto da parte della generalità degli utenti di accedere ai servizi di connettività ad internet anche nelle fasce orarie in cui il traffico dati è particolarmente elevato”.

Per quanto riguarda le modalità di tale intervento, Telecom Italia ha spiegato che limiterà la banda destinata alle applicazioni P2P ad un valore massimo proporzionale alla banda complessiva disponibile sul singolo DSLAM. Tale limitazione sarà applicata a tutte le offerte e i profili commerciali che prevedono traffico dati su tecnologia ADSL.

La novità sarà riportata nell’aggiornamento delle Condizioni Generali di Contratto dell’offerta ADSL di Telecom Italia a partire dal 1° marzo (in particolare nuova numerazione degli articoli per variazione dell’articolo 6), mentre sul sito di Telecom Italia saranno forniti maggiori dettagli sulla tipologia dei possibili interventi e le informazioni aggiornate sulle fasce orarie e sulle località che potrebbero essere interessate.

Appassionato di Internet?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Internet > Filtri P2P per l’ADSL di Telecom Italia: cosa ne pensano gli utenti?