Germania: scoppia lo scandalo delle intercettazioni informatiche

Internet

Possiamo già chiamarlo il “caso tedesco”, ma nella Germania della ribellione alla privacy soft dei social network e ai cookie traccianti, fa scalpore la scoperta del Chaos Computer Club, una sorta di paladini della giustizia in Internet.

Specializzati nel setacciare il Web a caccia delle pratiche illegali, il CCC ha individuato un software trojan (un programma che opera di nascosto all’interno del computer dell’ignaro utente) che viene abitualmente utilizzato dalle autorità tedesche per indagare sulle pratiche illegali. In tempo di intercettazioni telefoniche, possiamo dunque parlare di un’intercettazione informatica operata da organi di Stato come la polizia e i servizi segreti.

Tutto lecito? Non proprio, in quanto se la vicenda potrebbe far discutere in Italia, figuriamoci in Germania, dove queste pratiche di spionaggio sono addirittura anticostituzionali, secondo quanto stabilito dalla Corte Costituzionale tedesca. La scoperta dal Chaos Computer Club non è stata ancora smentita dal Governo ed è già stata aperta un’inchiesta che, visti i precedenti tedeschi, rischia di far saltare qualche poltrona a Berlino.

Appassionato di Internet?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Internet > Germania: scoppia lo scandalo delle intercettazioni informatiche