Guest post? E’ spam, parola di Matt Cutts

Guest post

Il SEO guest posting è morto. Requiem Aeternam!
Ecco, in sintesi, quanto  Matt Cutts ha voluto comunicare agli esperti della Search Engine Optimization, accusati di avere trasformato il guest blogging da un’eccellente opportunità per divulgare conoscenze sul web a strumento di lavoro utilizzato, esclusivamente, per acquisire  link strategici destinati al posizionamento di un sito.

Comprensibile, quindi, il nervosismo che serpeggia sul web alla notizia che molti degli pseudo guest post online saranno considerati da Google come spam.
Discussioni dai toni animati, al punto che Cutts ha ritenuto opportuno integrare il suo  post sotto accusa con un update puntualizzando che nessuno vuole “buttare via il bambino con l’acqua sporca” e che il guest posting viene ritenuto spam  nel momento in cui lo si utilizza come sterile strumento SEO, sottolineando che “da parte di Google resta immutato l’apprezzamento per gli autori che diffondono in maniera corretta i loro contenuti attraverso i blog della rete”.

Chiarito che il guest blogging non è una strada da percorrere per costruire campagne di link building, il responsabile della Search Quality di Google, punta il dito sulle pratiche, poco ortodosse, adottate come, ad esempio, replicare gli stessi contenuti su più siti o, addirittura, mascherarli con tecniche di article spinning, riducendoli a scadenti testi pubblicitari attraverso cui generare links da vendere o acquistare.
Matt Cutts, risponde anche chi chiede quale sia la linea di demarcazione tra i buoni e i cattivi, sostenendo che il guest posting, per un blog, deve rappresentare uno strumento di marketing da utilizzare per incrementare la popolarità con contenuti di qualità scritti da più e qualificati autori; per un blogger, invece,  si tratta di un’opportunità per costruirsi una reputazione e ottenere visibilità , da utilizzare  in modo sporadico, proponendo contenuti su su cui si abbia una effettiva conoscenza e siano coerenti con i temi trattati dal blog ospitante.

L’ennesima dimostrazione che il successo dell’internet marketing trova origine nel buon senso…

Appassionato di Internet?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Internet > Guest post? E’ spam, parola di Matt Cutts