Lutto nel mondo della musica: muore Little Tony, il cantante romano che ha emozionato il mondo

little-tony-morto_jugo.it

Il mondo della musica è in lutto per la scomparsa di una delle voci più belle della musica italiana: Little Tony. All’età di 72 anni, il musicista e cantautore romano Antonio Ciacci, in arte Little Tony, è morto a causa di un tumore osseo che non gli ha lasciato scampo.

Dopo tre mesi di ricovero nella clinica Villa Margherita, a Roma, il cantante è deceduto ieri mattina, avvolto dall’amore dei familiari che non l’hanno mai abbandonato in questo periodo difficile. Dura la vita di Little Tony, dura soprattutto prima che diventasse Little Tony, quando era solo un bambino con un’eredità artistica importante da mantenere: un padre cantante, uno zio chitarrista e due fratelli, Enrico e Alberto, che erano rispettivamente chitarrista e bassista. La pressione familiare si avvertiva anche quando Antonio era solo un ragazzo che si esibiva nelle piazze dei Castelli Romani, in cerca di una notorietà che poi arrivò quando il pubblico si accorse della grandezza ancor più della bravura di quel ragazzo che amava il rock’n’roll.

Visse in Inghilterra qualche anno assieme ai suoi fratelli con cui fondò il marchio Little Tony and his brothers ma ritornò in Italia alla fine degli anni ’50, per non venir meno a quelle che erano le sue origini. Nel 1961 arriva il successo: in coppia con Adriano Celentano canta “24mila baci” ed arriva al secondo posto del popolarissimo Festival di Sanremo. In Italia Little Tony divenne il re del rock’n’roll tanto da divenir soprannominato l’Elvis Presley italiano. Il suo look metteva allegria ed era assolutamente rivoluzionario con le sue giacche frangiate, i cinturoni borchiati e un ciuffo cotonato che faceva simpatia. Il suo disco, nel 1966, fu un clamoroso successo con un milione di copie vendute e una canzone, Riderà, che ancora oggi è conosciuta da adulti e bambini. Indimenticabili sono anche Cuore Matto e La Spada nel Cuore. La carriera di Little Tony è stata ricca di successi e non è giunta al termine neppure quando il cantante ha iniziato a soffrire del terribile male che poi non è riuscito a sconfiggere. Nel 2006 collaborò ad una canzone con il dj Gabry Ponte e nel 2008, proprio sul palco che l’aveva visto sbocciare, l’Ariston, canta la sua ultima canzone dal titolo “Non finisce qui”.

Forse Little Tony, aveva davvero ragione: non finisce qui, non finisce oggi e non finirà in futuro la celebrità e la bravura di un artista poliedrico e saggio, che ha saputo affrontare la vita col sorriso fino all’ultimo respiro. 

Appassionato di Musica?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Musica:

    Ancora nessun commento

JUGO > Musica > Lutto nel mondo della musica: muore Little Tony, il cantante romano che ha emozionato il mondo