Morte Michael Jackson: medico condannato per omicidio colposo

Michael

Il verdetto del giudice Michael Pastor non è ancora definitivo, ma il “dottor morte”, come alcuni fan di Michael Jackson hanno ribattezzato Conrad Murray, rischia fino a 4 anni di carcere per avere eseguito l’iniezione letale di Propofol, il potente anestetico che ha stroncato la vita del cantante.

Il prossimo 29 novembre, con un’apposita sentenza, saranno stabiliti i termini della pena detentiva per Conrad Murray, anche se tutto potrebbe essere riscritto in appello. Nonostante la gioia dei familiari e dei fan di Jackson, presenti dentro e fuori dell’aula di tribunale, al medico resta ancora la possibilità della “salvezza”.

Lo sperano lo stesso Murray e i suoi avvocati, convinti dell’innocenza del dottore che ha assistito Michael Jackson fino agli ultimi momenti di vita. Ben diverso è il pensiero della famiglia della star defunta che ha accolto con soddisfazione la sentenza del giudice Michael Pastor: “Nessuno ci riporterà indietro Michael – ha affermato la sorella Rebbie Jackson – ma sono felice che Murray sia stato riconosciuto colpevole”.

Appassionato di Musica?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it

    E se vuoi scopri e condividi anche tu le ultime notizie di Musica:

    Ancora nessun commento

JUGO > Musica > Morte Michael Jackson: medico condannato per omicidio colposo