Aids, parte la sperimentazione di Tat, il vaccino italiano

Aids: Tat, il vaccino italiano

Coordinata da Barbara Ensoli del Centro Nazionale AIDS dell’ISS, la sperimentazione in Sudafrica inizia dopo che il vaccino Tat ha già dimostrato di essere sicuro e capace di indurre risposte immuni specifiche, rivelandosi un promettente strumento per migliorare le funzioni immunitarie in soggetti HIV positivi.

I risultati della precedente fase di sperimentazione, condotta in Italia in 11 centri clinici e attualmente in fase di completamento, indicano infatti che la vaccinazione con Tat ha un ruolo chiave nel ridurre le alterazioni del sistema immunitario riscontrate nell’infezione da HIV e che normalmente persistono anche in corso di trattamento antiretrovirale virologicamente efficace.

“Questa fase di studio – ha affermato Enrico Garaci, presidente dell’ISS, relativamente all’avvio della sperimentazione in Sudafrica – è stata resa possibile da anni di ricerche frutto del finanziamento del Ministero della Salute e che oggi si avvale del contributo del Ministero degli Esteri poiché fa parte di un programma di cooperazione tra il Governo Italiano e il Governo Sudafricano”.

Appassionato di Salute & Benessere?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Salute & Benessere > Aids, parte la sperimentazione di Tat, il vaccino italiano