Ansia: in futuro si combatterà con la luce pulsata?

Cervello

Pubblicato sulla rivista scientifica Nature, lo studio ha preso in esame le strutture interconnesse dell’amigdala, già nota per la “gestione” di emozioni come la paura, nei topi di laboratorio.

I ricercatori hanno così scoperto che, senza fare ricorso ai tradizionali ansiolitici, è possibile attivare una particolare reazione di quest’area del cervello, attraverso onde di luce pulsata, per ridurre gli stati d’ansia del soggetto. Al contrario, l’inibizione favorisce una maggiore prudenza nelle azioni.

Si tratterebbe quindi di un vero e proprio interruttore sul quale gli studiosi indagheranno ancora per elaborare nuove cure per l’ansia, speriamo più efficaci e con un minori effetti collaterali rispetto a quelle oggi in uso.

1

Appassionato di Salute & Benessere?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Salute & Benessere > Ansia: in futuro si combatterà con la luce pulsata?