Il caffè? Un’abitudine consolidata anche per il nostro cervello

Caffè

Il già ampio archivio di studi dedicati al caffè si arricchisce di un’ulteriore indagine sui presunti effetti energizzanti della bevanda. Ebbene, l’analisi della University of East London sfata, almeno in parte, la credenza popolare secondo cui il caffè aiuta a mantenersi vigili e attivi.

Già, “in parte”, perché la reattività in effetti aumenta, ma per una sorta di inganno giocato al nostro cervello. Nel dettaglio, gli studiosi londinesi hanno diviso il gruppo di 88 soggetti in ulteriori due sottogruppi: al primo è stato offerto caffè normale, all’altro caffè decaffeinato, ma a loro insaputa. In entrambi i casi, con o senza l’effettiva assunzione di caffeina, si sono registrate performance migliori in fatto di reattività. Cosa significa? Secondo gli studiosi, la conoscenza delle proprietà eccitanti della caffeina è così nota che il nostro cervello sembra prevenirne addirittura l’azione… sia che poi la si assuma o meno!

Appassionato di Salute & Benessere?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Salute & Benessere > Il caffè? Un’abitudine consolidata anche per il nostro cervello