Un cervello da pole position per i piloti di Formula 1

Formula 1

Un nuovo studio italiano, condotto presso l’Università di Pisa, ha infatti analizzato il cervello dei piloti evidenziando una capacità di elaborazione delle informazioni oltre la media. Tale caratteristica è stata documentata da Giulio Bernardi, il giovane ricercatore che ha condotto lo studio avvalendosi della risonanza magnetica funzionale.

Attraverso l’osservazione dell’attività cerebrale dei piloti, lo studioso è così riuscito ad evidenziare una particolare attività nelle aree coinvolte nella gestione delle informazioni relative alla visione e al movimento. Secondo i ricercatori coinvolti nello studio, questa scoperta potrebbe rivelarsi utile nello sviluppo di tecniche riabilitative per soggetti che hanno riportato danni a livello cerebrale.

Appassionato di Salute & Benessere?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Salute & Benessere > Un cervello da pole position per i piloti di Formula 1