Come scegliere la giusta acqua termale?

Nonostante la crisi che imperversa ormai da tempo nel nostro Paese, sono sempre numerosi gli italiani che non rinunciano al benessere, in particolare a quello termale. In alcuni casi non si tratta, però, di una semplice tendenza da seguire e assecondare, bensì di una vera e propria necessità in termini di salute. Le acque termali sono, infatti, in grado di curare, lenire e addirittura prevenire alcuni specifici disturbi, così come già accadeva nell’antichità.

Considerato però che gli innumerevoli benefici delle acque termali variano in base alle proprietà delle acque stesse e delle sorgenti – che come nel caso di Chianciano Terme possono anche essere molto diverse tra loro – la scelta dei trattamenti termali merita sempre la dovuta attenzione.

Per individuare le terme più indicate a un determinato disturbo anziché a un altro, è quindi necessario imparare a conoscere i diversi tipi di acque termali e i loro specifici benefici.

Acque termali oligominerali e mediominerali – Le acque oligominerali sono indicate per curare la gotta, le infezioni batteriche, la ritenzione idrica e i calcoli renali, mentre quelle mediominerali sono più adatte alla cura del diabete e dell’osteoporosi.

Acque termali minerali – Le acque minerali, che si dividono in numerose sottoclassi in base alla concentrazione degli elementi chimici che le compongono, sono invece indicate per curare o alleviare una grande varietà di patologie. Le acque alcaline, ad esempio, sono consigliate in caso di artrite, cattiva circolazione, dermatite, diabete, emorroidi, gastrite, mal di testa cronico e disturbi epatici; quelle ricche di bicarbonato di sodio sono invece ideali per chi soffre di acidità di stomaco, calcoli biliari e disturbi gastrointestinali; quelle calciche sono indicate per le donne in gravidanza e in menopausa, oltre che nella prevenzione dell’osteoporosi; quelle ferruginose sono invece ideali per contrastare le affezioni ginecologiche e in caso di anemie, malattie della pelle e della tiroide, mentre quelle sulfuree, ricche appunto di zolfo, sono indicate per curare le affezioni alla pelle e alle vie respiratorie, così come pure le acque solfate ideali però anche in caso di problemi intestinali.

Appurato che le proprietà curative delle acque termali dipendono dalle caratteristiche e qualità chimico-fisiche delle sorgenti, non vi resta che scegliere la vostra acqua termale.

Appassionato di Salute & Benessere?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Salute & Benessere > Come scegliere la giusta acqua termale?