La memoria si conserva a tavola con i prodotti della Dieta Mediterranea

Dieta

Vino rosso, noci, ma anche nocciole, olio extra vergine di oliva e, per finire, un buon caffè. In un’era dove anche i paesi in cui la Dieta Mediterranea ha avuto origine si convertono alla praticità del fast food, uno studio spagnolo, ripreso dalla Società Italiana di Gerontologia e Geriatria (SIGG), ci ricorda come le mode spesso siano travianti, specie in fatto di salute. La Dieta Mediterranea, infatti, è un’enorme riserva di antiossidanti naturali, come i polifenoli che abbondano in ingredienti come quelli descritti sopra, ovvero vino, noci e olio, così come nel caffè, bevanda irrinunciabile per noi italiani. Se anche in questo caso vale la regola del non esagerare, per non ritrovarsi poi con effetti negativi al posto di quelli benefici, è ormai dimostrato da un vasto repertorio di studi che ci sono alimenti “più buoni” degli altri.

Buoni con il palato e con la nostra salute, in quanto ricchi di antiossidanti che aiutano, specie con l’avanzare dell’età, a mantenersi lucidi e in forma. Lo studio spagnolo Predimed, i cui risultati sono stati pubblicati sul Journal Alzheimer Deseases, dimostrano come questi alimenti e bevande tipici della Dieta Mediterranea possano rivelarsi efficaci contro i deficit cognitivi, quindi per la memoria, ma anche nel contrasto all’Alzheimer, la forma più grave e diffusa di demenza degenerativa. Lo studio spagnolo deve essere letto, neanche a dirlo, come un promemoria, in quanto vino, noci, olio e caffè fanno da sempre parte della nostra cultura a tavola.

Appassionato di Salute & Benessere?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Salute & Benessere > La memoria si conserva a tavola con i prodotti della Dieta Mediterranea