Olio di oliva o girasole per una frittura amica del cuore

Dieta

Dalle patatine fritte al pesce passando per le olive ascolane e la cotoletta, fino alle mozzarelline: c’è chi sostiene che si può friggere di tutto ottenendo sempre piatti appetitosi. Secondo un team di ricercatori dell’Università Autonoma di Madrid, però, non si può friggere con tutto.

Un nuovo studio, infatti, ha stabilito che le controindicazioni della frittura cambiano in base all’olio che si utilizza. Analizzando il comportamento a tavola di circa 40mila persone, per un periodo di undici anni, i ricercatori hanno scoperto che l’olio di oliva e quello di girasole, ben presenti nella dieta mediterranea, sono meno pericolosi per il sistema cardiocircolatorio rispetto ad altri tipi di prodotti comunemente utilizzati per friggere. In particolare, questi oli vegetali espongono il soggetto a minori rischi per cuore e vasi sanguigni rispetto a grassi di origine animale, come burro o strutto, ma sono da evitare anche gli oli riutilizzati.

Pubblicato sulla rivista scientifica British Medical Journal, lo studio ha dimostrato che, senza esagerare ed utilizzando oli vegetali, possiamo concederci buonissime fritture senza pentircene in seguito per gli effetti sulla salute.

Appassionato di Salute & Benessere?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Salute & Benessere > Olio di oliva o girasole per una frittura amica del cuore