Oltre l’ecobio: spopola sul web la passione per il faidate cosmetico

Negli ultimi anni si sente spessissimo parlare di ecobio, i marchi di cosmesi naturale sono sempre più in voga, e non di rado ricevono entusiasmati recensioni tra blog, social network e canali youtube. La cura del corpo in versione green non solo fa bene alla nostra pelle e ai nostri capelli, ma aiuta anche il pianeta; parliamo infatti di prodotti che hanno un bassissimo impatto ambientale e non vengono testati sugli animali.

Tutto molto interessante, vero? Coccolarsi tra le dolci note aromatiche di creme e cremine e avere la coscienza a posto.

Come ben sappiamo però, non è tutto oro quel che luccica, infatti non mancano aziende pronte a sponsorizzarsi come biologiche, ma che di biologico hanno bene poco, nonostante l’uso/abuso di parole come “verde”, “natura” e simili. Per difendersi da questi piccoli inganni è fondamentale prestare attenzione all’elenco degli ingredienti sulla confezione. Questo elenco, denominato INCI, svela ogni segreto. Di solito gli ingredienti naturali sono in fondo alla lista e ai primi posti troveremo strane sigle e numeri che stanno a indicare ingredienti chimici. Bene, l’elenco non è scritto in modo casuale, ma dall’ingrediente contenuto maggiormente nel prodotto fino a quello presente in minore quantità.

L’attenzione agli ingredienti è la chiave di volta che spinge sempre più persone ad interessarsi al fai da te cosmetico. Conoscete il verbo spignattare? Ufficialmente significa “affaccendarsi in cucina tra i fornelli”, ma internet ha regalato nuova linfa vitale a questa parola, che si riferisce ad affaccendamenti che non hanno nessun nesso con prelibatezze culinarie, dolci o altre leccornie. Le  spignattatrici (è quasi d’obbligo l’uso del femminile, perché abitualmente si tratta di donne e ragazze) sono indaffarate in ben altre preparazioni, altrettanto golose e profumate. Creme, lozioni, detergenti, e molto altro possono essere realizzati in casa con le vostre manine. Non ci credete? Vi basteranno le giuste dritte.

Chi potrà mai scegliere meglio di voi stessi gli ingredienti migliori per la vostra pelle? Dall’acquisto delle materie prime alla vostra dipendenza dallo spignatto il passo è breve. Non vi resta che provare. Vi invito a visitare il blog di CarlitadolceUtilissima fonte di ispirazione sull’argomento.

Buono spignatto a tutti!

Appassionato di Salute & Benessere?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Salute & Benessere > Oltre l’ecobio: spopola sul web la passione per il faidate cosmetico