Scoperta molecola causa calvizie: capelli hanno un nemico noto

Shampoo per capelli

E’ troppo presto per parlare di un rimedio assoluto contro la perdita di capelli, ma gli studiosi dell’ Università della Pennsylvania sono più fiduciosi dopo la scoperta di una molecola responsabile dell’alopecia androgenetica, probabilmente la forma più diffusa di calvizie. Se già in passato vi avevamo parlato di studi simili, in seguito resi vani dalla moltitudine di fattori che incidono sulla caduta dei capelli, stavolta la situazione sembra diversa, almeno stando alle parole del professor George Cotsarelis, specialista dei disordini che affliggono i capelli e il cuoio capelluto.

Secondo Cotsarelis, autore del nuovo studio, le zone del cuoio capelluto in cui si sviluppa la calvizie, nei casi di alopecia androgenetica, si distinguono tutte per la massiccia presenza della proteina Prostaglandina D2, nome abbreviato in PGD2. Una conclusione, questa, alla quale i ricercatori sono arrivati dopo anni di indagini su uomini e donne, entrambi colpiti da questa tipologia di calvizie.

Il team di studiosi americani, già noti per altre importanti scoperte nel settore, ha inoltre spiegato che la Prostaglandina D2 blocca la crescita dei capelli attraverso il recettore GPR44, sul quale si stanno concentrando anche altri studi e test in fase abbastanza avanzata. Proprio da queste ricerche, indirizzate alla lotta all’asma, potrebbero arrivare i principi attivi necessari a contrastare l’azione del GPR44 e, quindi, ideali per una cura contro la perdita di capelli causata dall’alopecia androgenetica. E’ ancora troppo presto per parlare di cura anti-calvizie, ma George Cotsarelis ed il suo team si mostrano molto fiduciosi a riguardo.

Appassionato di Salute & Benessere?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Salute & Benessere > Scoperta molecola causa calvizie: capelli hanno un nemico noto