Confederation Cup 2013, prove di mondiale

FIFA_Jugo.it

Quando sabato 15 giugno, allo Stadio Nazionale di Brasilia Mane Garrincha, si alzerà il sipario sull’edizione 2013 della Confederation Cup, l’attenzione di tutto il mondo calcistico sarà concentrata sul Brasile. La cerimonia di apertura, che vedrà nella sua fase finale la composizione di un enorme mosaico, sarà un omaggio a tutte le nazioni partecipanti (Brasile, Italia, Giappone, Messico, Spagna, Uruguay, Tahiti, Nigeria), alla loro storia e cultura.

Il Brasile multietnico, nazione in forte crescita economica che però vive ancora al suo interno piccoli e grandi drammi sociali, è chiamato a testare le proprie capacità organizzative; della passione e del calore che anima il suo popolo non possiamo avere assolutamente alcun dubbio. Il tutto in vista del grande evento dell’anno prossimo quando, a distanza di 64 anni il Brasile ospiterà la fase finale della Coppa del Mondo. Vorrà a tutti i costi esorcizzare la tragegia sportiva consumatasi nel 1950 ancora viva nella mente di tutti, la finale “anomala” (le sarebbe bastato pareggiare per ottenere il titolo di campione del mondo) persa in casa 2-1 con l’Uruguay al Maracanã.

Da un recente sondaggio però risulta che circa il 72% della popolazione brasiliana non abbia ben chiaro cosa sia effettivamente la Confederation Cup, nonostante la “seleção”, campione uscente, detenga il maggior numero di vittorie nella manifestazione organizzata dalla FIFA (vittorie nel: 1997, 2005, 2009). Questa notizia apparentemente curiosa, rivela forse un pizzico di scaramanzia da parte del popolo brasiliano conscio che la propria nazionale di calcio sta attraversando uno dei momenti peggiori dal punto di vista del gioco. Per colpa di risultati altalenti è sprofondata nel limbo del ranking FIFA (19° posto ad aprile 2013), piazzamento più basso di sempre da quando esiste questa speciale classifica, dopo che per più di un ventennio, a cavallo tra il mondiale made in U.S.A. e quello in terra di Germania, è stata regina incontrastata e irragiungibile del calcio dell’intero globo.

Prove di mondiale. Il popolo brasiliano riporrà tutte le sue speranze ed aspettative nel nuovo astro nascente della nazionale verdeoro, Neymar (neo-acquisto del Barcellona) già idolo delle nuove generazione. Da questo giovane calciatore ci si aspetta la furbizia di Romario e la grinta di Ronaldo, i fautori dell’ultimo successo mondiale brasiliano in terra nipponica. Per questo la Confederation Cup ci dirà quali saranno le ambizioni del Brasile, se sarà capace di levare al cielo la Coppa del Mondo tra la propria gente e mandare in estasi una intera nazione.

La Fifa da il via libera all’uso della tecnologia in campo. Avete capito bene! Durante la  manifestazione calcistica che ci accompagnerà dalla metà alla fine di giugno, gli stadi ospitanti le partite, saranno muniti del sistema GoalControl-4D GmbH progettato in Germania che decreterà, grazie alle 14 telecamere ad alta definizione e sensori installati sulla linea della porta, se la palla è completamente entrata o meno in rete avvisando l’arbitro direttamente sul suo orologio. Parliamo di una vera e propria rivoluzione per il calcio (altri sport già da anni utilizzano la tecnologia a sostegno della chiarezza nelle decisioni arbitrali come tennis e rugby) e Sepp Blatter, presidente del massimo organo mondiale del calcio lo vuole sperimentare proprio qui in Brasile per capire se proseguire su questa strada tecnologica per i prossimi eventi a seguire (primo tra tutti il mondiale del prossimo anno).

Se queste sono le premesse, ci aspetta una competizione che sarà incerta dal punto di vista dei risultati. La Confederation Cup inaugurerà forse un cammino che potrebbe dare un corso nuovo all’intero movimento calcistico mondiale, il tutto condito dal folklore di una nazione che vive con forte spiritualità l’evento “calcio”, che sa dare colore e ritmo. Vivremo un tripudio di samba e goal ma sarà solo un piccolo assagio di ciò che ci aspetta nel 2014.

 

Appassionato di Sport?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Sport > Confederation Cup 2013, prove di mondiale