Euro 2012: buon pari Italia con la Spagna, ora la Croazia

L’Italia di Cesare Prandelli non è quella vista contro la Russia nell’ultima amichevole giocata alla vigilia dei Campionati Europei di Polonia e Ucraina. A far tirare un sospiro di sollievo ai tifosi italiani è l’ottima prova degli azzurri contro i Campioni del Mondo e d’Europa in carica della Spagna.

A Danzica, nell’esordio, l’Italia del 3-5-2 tiene testa alla Furie Rosse, mostrando sprazzi di bel gioco e passando addirittura in vantaggio con il bomber Totò Di Natale, entrato in campo nella ripresa per un Mario Balotelli poco lucido sotto porta. Clamorosa, in tal senso, l’occasione sciupata da SuperMario a due passi da Casillas: l’attaccante del Manchester City ruba palla a Sergio Ramos e si invola verso il portiere del Real Madrid, ma invece di concludere traccheggia e dà tempo allo stesso Ramos di recuperare. Episodio decisivo, non fosse altro che Prandelli ‘punisce’ la scarsa vena di Balotelli facendo entrare Di Natale, subito decisivo.

Il vantaggio dell’Italia però, dura solo 3 minuti, giusto il tempo di un paio d’azioni e di un inserimento fulmineo di Cesc Fabregas: 1-1 al 64esimo e partita aperta ad ogni pronostico. L’Italia vista nel primo tempo non c’è più, complice il calo fisico e la nuova disposizione in campo della Spagna, ma le occasioni fioccano da entrambe le parti. Iniesta e soprattutto Torres sprecano occasioni d’oro per gli iberici, mentre Marchisio e ancora Di Natale non sfruttano due buone occasioni a pochi metri dalla porta. Alla fine, l’1-1 mette d’accordo tutti, squadre, tifosi e stampa sia italiani che spagnoli: è stata una grande partita, forse la più bella vista finora a Euro 2012.

Pensando al futuro, la Nazionale di Cesare Prandelli guarda con fiducia all’impegno di giovedì 14 giugno, ancora alle ore 18:00, contro la Croazia. La squadra di Slaven Bilic, vittoriosa per 3-1 contro l’Irlanda di Trapattoni, ha dimostrato di essere in forma, ma l’Italia non è da meno. Daniele De Rossi in difesa è un esperimento che si può ripetere, ma qualche aggiustamento va comunque fatto. A centrocampo, infatti, il pur bravo Giaccherini è apparso in difficoltà in fase difensiva, mentre Thiago Motta non è apparso nella migliore condizione. Rebus in attacco, dove Prandelli dovrà decidere se dare un’altra chance a Mario Balotelli o preferirgli Antonio Di Natale, le cui azioni sono in netta crescita. Appare difficile, invece, che il CT voglia privarsi dell’estro di Antonio Cassano.

Ad ogni modo, il futuro assetto della Nazionale dipenderà dalla posizione occupata da Daniele De Rossi, con il romanista che è stato autore di un’ottima gara in difesa, ma il cui impiego a centrocampo potrebbe offrire quel qualcosa in più al gioco azzurro. Proprio su De Rossi e sull’esordiente Giaccherini si sono concentrati gli elogi di Cesare Prandelli, evidentemente soddisfatto e, almeno per stavolta, poco diplomatico: “Il migliore in campo è stato Giaccherini. Ha fatto una grande partita, è andato in difficoltà solo nell’ultimo quarto d’ora, quando la Spagna ha messo un attaccante in più – ha commentato il CT azzurro a fine gara -. Anche De Rossi ha giocato abbastanza bene, lo vorrei solo vedere più avanzato in alcune situazioni di gioco”.

Per Mario Balotelli non è una bocciatura: “Probabilmente avendo due soluzioni a disposizione ha pensato troppo a cosa fare - ha spiegato il tecnico commentando la clamorosa occasione sciupata da SuperMario -. La sostituzione non è affatto una punizione. Il cambio era programmato perché volevo qualcuno più pungente davanti alla porta e Antonio mi ha dato subito maggiore profondità. Mario deve pensare a come si è procurato l’occasione. Lui deve essere cattivo e generoso così”. Il CT spende poi parole buone per Cassano, per il resto della squadra e… per il Presidente della Repubblica. Giorgio Napolitano, sugli spalti durante la gara e negli spogliatoi a fine match, è stato una sorpresa gradita: “Ha sofferto come abbiamo fatto noi – spiega Prandelli -, soprattutto negli ultimi minuti. Ci ha fatto i complimenti e lo ringraziamo”.

Appassionato di Sport?

Leggi JUGO.it anche su Facebook

Vai alla Pagina Facebook di Jugo.it
JUGO > Sport > Euro 2012: buon pari Italia con la Spagna, ora la Croazia